Scuola

Marijuana, chi fuma in adolescenza diventa meno intelligente

(Dunedin) L'uso precoce della cannabis provoca danni al cervello. Lo dimostra una ricerca condotta su oltre mille individui nati fra il 1972 e il 1973 in Nuova Zelanda, a Dunedin, seguiti fino all'eta' di 38 anni. o studio, guidato da una squadra...

064154_cannabis

(Dunedin) L'uso precoce della cannabis provoca danni al cervello. Lo dimostra una ricerca condotta su oltre mille individui nati fra il 1972 e il 1973 in Nuova Zelanda, a Dunedin, seguiti fino all'eta' di 38 anni. o studio, guidato da una squadra di ricercatori internazionali capitanati dall'università di Durham nel North Carolina, e oggi pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences, ha analizzato negli anni i rendimenti e lo stato neurologico di un gruppo di mille neozelandesi.

Circa il 5 per cento del gruppo osservato è stato considerato dipendente dalla marijuana o ne faceva uso più di una volta la settimana prima dei 18 anni. Il consumatore dipendente è considerato chi continua ad utilizzare droghe nonostante significativi problemi per la salute, problemi sociali o familiari. All'età di 38 anni, tutti i partecipanti allo studio sono stati sottoposti ad una serie di test psicologici per valutare la memoria, la velocità di elaborazione, il ragionamento e l'elaborazione visiva. Le persone che hanno usato marijuana con costanza hanno ottenuto dei punteggi significativamente scarsi sulla maggior parte dei test.
La vulnerabilità del cervello dell'adolescente, porta secondo i ricercatori a riconsiderare, in questa età, anche il peso dell'uso di alcuni farmaci e in generale di tutte le sostanze psicoattive. I danni neurologici riscontrati nei fumatori precoci, spiega l'autrice della ricerca Madeline Meier, potrebbe dipendere dall'età in cui la cannabis è stata consumata, quando ancora il cervello e la sua struttura non sono ancora definite, ma in via di sviluppo e quindi più suscettibili agli effetti collaterali di sostanze stupefacenti come di tutte le sostanza psicoattive, farmaci compresi. Gli effetti erano così profondi, che "smettere di consumare non riusciva a rimediare i danni accumulati" prima dei 18 anni, spiega ancora Meier.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marijuana, chi fuma in adolescenza diventa meno intelligente

CasertaNews è in caricamento