menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
064209_bibite-gassate

064209_bibite-gassate

Uso eccessivo di bibite gassate puo' provocare danni al cervello

(Sydney) Bere spesso bibite gassate altera le proteine nel cervello, innescando un effetto simile a quello di malattie come il cancro o l'Alzheimer oltre che l'iperattività. A rivelarlo è una ricerca in Australia da parte dell'Università di Sydney...

(Sydney) Bere spesso bibite gassate altera le proteine nel cervello, innescando un effetto simile a quello di malattie come il cancro o l'Alzheimer oltre che l'iperattività. A rivelarlo è una ricerca in Australia da parte dell'Università di Sydney, presentata al meeting annuale delle British Society of Neuroscience. Gli scienziati hanno esaminato dei topi di laboratorio divisi in due gruppi: al primo è stata data acqua normale, mentre al secondo è stata somministrata acqua con lo stesso contenuto di zucchero delle bibite gassate. I topolini a cui era stata fornita acqua zuccherata sono diventati iperattivi e da un esame del tessuto, preso da una parte del loro cervello, si è evidenziata anche un'alterazione di almeno 300 proteine. Questi risultati - spiega Jane Franklin, che ha svolto la ricerca - pur riguardando i topi sono applicabili anche all'uomo ed evidenziano che un consumo eccessivo di bevande gassate e zuccherate può danneggiare la salute psico-fisica. "C'è stato un preoccupante incremento nel consumo di queste bevande, per alcuni adulti rappresentano addirittura una parte importante dell'introito calorico giornaliero - spiega Franklin - ma la nostra ricerca suggerisce che possono danneggiare il cervello quindi se si ha sete meglio bere acqua, concedendosi uno strappo alle regole solo di tanto in tanto". Franklin ha aggiunto: "C'è stato un preoccupante incremento nel consumo di queste bevande, per alcuni adulti rappresentano addirittura una parte importante dell'introito calorico giornaliero".
Ovviamente non si è fatta attendere la replica dei produttori di bibite. Infatti l'Assobibe,(l'Associazione Italiana tra gli Industriali delle bevande Analcoliche) in una nota ha spiegato che "lungi dal prendere in considerazione le conseguenze di un consumo frequente di soft driks, analizza semplicemente alcuni effetti determinati dalla sostituzione completa dell'acqua, con acqua zuccherata, nel regime alimentare di ratti da laboratorio. In altre parole, ai topi è stata somministrata solo acqua contenente la stessa quantità di zucchero tollerata senza problemi da un essere umano, di corporatura normale. Per questo motivo, è ragionevole immaginare che si siano rilevate alcune alterazioni. Al di là dei dubbi sulla valenza scientifica di questo esperimento, la sostituzione completa dell'acqua con altre bevande cosi come qualsiasi comportamento e regime alimentare caratterizzato da eccessi, non ha nulla a che vedere con gli effetti di un consumo ragionevole di soft drinks, nell'ambito di uno stile di vita corretto ed equilibrato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento