Roccamonfina: l'ambulanza c'e' il medico manca

Roccamonfina - Da tempo ormai si protrae a Roccamonfina una situazione scandalosa. Il responsabile del servizio 188 nell'ambito di una riorganizzazione del servizio ha deciso che un medico non fosse più necessario lasciando la postazione solo con...

Da tempo ormai si protrae a Roccamonfina una situazione scandalosa. Il responsabile del servizio 188 nell'ambito di una riorganizzazione del servizio ha deciso che un medico non fosse più necessario lasciando la postazione solo con operatori specializzati. Risulta evidende che la mancanza di un medico priva la possibilità di salvezza a tanti malcapitati riducendo l'ambulanza al mero trasporto ....tipo pacchi postali. Sono già morte tante persone per che probabilmente potevano essere salvate se un medico avesse presieduto alle operazioni in ambulanza. Polica e istituzioni locali tacciono. Roccamonfina paese di montagna già per sua natura subisce notevoli disagi e ultimamente viene depredata, assaltata, derubata di tutto. L'ennesimo servizio che probabilmente scomparirà. Anziani e bambini i soggetti più a rischio. Mi sono fatto promotore di una raccolta firme al fine di sensibilizzare le istituzioni verso la risoluzione di questo problema e ben 800 sono i cittadini che hanno voluto con la loro firma darne testimonianza. Ma che senso ha tenere una ambulanza senza medico? faccio preghiera di pubblicazione vista l'importanza che riveste l'argomento. Grazie anticipato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giorno del contagio in Campania: 24enne di Caserta positiva al test

  • Coronavirus, De Luca chiude le scuole in tutta la Campania

  • Coronavirus, scuole chiuse a Caserta. La 24enne 'positiva' trasferita al Cotugno

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

Torna su
CasertaNews è in caricamento