menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
063222_numeri_cancro_italia

063222_numeri_cancro_italia

Tumori: in calo la mortalita', ma aumentano le donne con cancro a polmone

(Roma) Ieri sono stati presentati, al congresso Aiom di Roma, i dati che emergono dal volume "I numeri del cancro in Italia 2014", realizzato dall'Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) e dall'Associaizone Italiana Registri Tumori...

(Roma) Ieri sono stati presentati, al congresso Aiom di Roma, i dati che emergono dal volume "I numeri del cancro in Italia 2014", realizzato dall'Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) e dall'Associaizone Italiana Registri Tumori (Airtum). Tra i tanti dati presenti nel volume, si segnala come la mortalità per tumori è, nel totale e per molte sedi principali, in riduzione. "Questo - spiegano i relatori -è il più solido degli indicatori sanitari e dimostra che il Sistema Sanitario italiano nel suo complesso preventivo-diagnostico-terapeutico è efficace: di cancro si muore meno".
I dati dell'Istituto nazionale di statistica (ISTAT) indicano per il 2011 (ultimo anno al momento disponibile) in circa 175.000 i decessi attribuibili a tumore - tra gli oltre 580.000 decessi verificatisi in quell'anno. I tumori sono la seconda causa di morte (30% di tutti i decessi), dopo le malattie cardio-circolatorie (38%). Il peso dei tumori è più rilevante tra gli uomini, dove causano un numero leggermente superiore a quello dei decessi delle malattie cardio-circolatorie (35%) che tra le donne (26% dei decessi). Nella tabella 5 sono riportati i numeri di decessi registrati dall'ISTAT nel 2011.
I dati dell'Istituto nazionale di statistica (ISTAT) indicano per il 2011 (ultimo anno al momento disponibile) in circa 175.000 i decessi attribuibili a tumore - tra gli oltre 580.000 decessi verificatisi in quell'anno. I tumori sono la seconda causa di morte (30% di tutti i decessi), dopo le malattie cardio-circolatorie (38%). Il peso dei tumori è più rilevante tra gli uomini, dove causano un numero leggermente superiore a quello dei decessi delle malattie cardio-circolatorie (35%) che tra le donne (26% dei decessi). Nella tabella 5 sono riportati i numeri di decessi registrati dall'ISTAT nel 2011.
I dati dell'Istituto nazionale di statistica (ISTAT) indicano per il 2011 (ultimo anno al momento disponibile) in circa 175.000 i decessi attribuibili a tumore - tra gli oltre 580.000 decessi verificatisi in quell'anno. I tumori sono la seconda causa di morte (30% di tutti i decessi), dopo le malattie cardio-circolatorie (38%). Il peso dei tumori è più rilevante tra gli uomini, dove causano un numero leggermente superiore a quello dei decessi delle malattie cardio-circolatorie (35%) che tra le donne (26% dei decessi). Nella tabella 5 sono riportati i numeri di decessi registrati dall'ISTAT nel 2011.

Come per l'incidenza, anche per la mortalità è possibile calcolare il rischio teorico di morire per tumore nel corso della vita (dalla nascita agli 84 anni). Questo rischio per il complesso dei tumori è tale da interessare un uomo ogni 3 e una donna ogni 6 (tabella 8). Queste notevoli differenze fra i sessi sono dovute alla diversa frequenza negli uomini e nelle donne di tipologie tumorali a diversa prognosi. Infatti, il rischio di morte è fortemente influenzato dalla prognosi oltre che dalla frequenza del tipo di tumore, quindi, il numero di persone che 19Dati i numeri del cancro in italia generaliè necessario osservare nel corso della vita per trovarne una che muoia a causa di quel determinato tipo di tumore varia in relazione a questi due parametri.
Come per l'incidenza, anche per la mortalità è possibile calcolare il rischio teorico di morire per tumore nel corso della vita (dalla nascita agli 84 anni). Questo rischio per il complesso dei tumori è tale da interessare un uomo ogni 3 e una donna ogni 6 (tabella 8). Queste notevoli differenze fra i sessi sono dovute alla diversa frequenza negli uomini e nelle donne di tipologie tumorali a diversa prognosi. Infatti, il rischio di morte è fortemente influenzato dalla prognosi oltre che dalla frequenza del tipo di tumore, quindi, il numero di persone che 19Dati i numeri del cancro in italia generaliè necessario osservare nel corso della vita per trovarne una che muoia a causa di quel determinato tipo di tumore varia in relazione a questi due parametri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento