Scuola

Il prof. Benenzon alla Scuola di Musicoterapia

Gesualdo - Nei giorni 15, 16 e 17 maggio il prof. Rolando O. Benenzon, psichiatra e musicista argentino, artista e compositore, riconosciuto come uno dei padri fondatori della musicoterapia moderna, sarà ospite della Scuola di Musicoterapia di...

055845_Miranda

Nei giorni 15, 16 e 17 maggio il prof. Rolando O. Benenzon, psichiatra e musicista argentino, artista e compositore, riconosciuto come uno dei padri fondatori della musicoterapia moderna, sarà ospite della Scuola di Musicoterapia di Gesualdo (AV). Coadiuvato da Pietro Vitiello, musico terapista e magister del "Modello Benenzon", terrà un ciclo di seminari sulla teoria e la pratica applicativa del modello da lui creato. Il prof. Benenzon, infatti, ha dato vita ad uno fra i cinque modelli ufficialmente riconosciuti dalla Federazione Mondiale di Musicoterapia (WFMT), oggi fra i più diffusi e praticati nel mondo, grazie al suo lavoro quarantennale, svolto prevalentemente in Sud America, in Europa e in Nord America, fondato sullo studio teorico, sulla ricerca scientifica, su un'esperienza clinico - applicativa diversificata nei più diversi ambiti e sulla formazione e supervisione del lavoro degli operatori. Il suo è un modello di musicoterapia attiva che prevede il coinvolgimento dell'utente valorizzandone le risorse potenziali in relazione all'insieme dei codici della comunicazione non verbale, con particolare riguardo alla sfera sonoro-corporeo-musicale. E' un modello di derivazione psicodinamica, che dà centralità alla relazione fra utente e terapista e si fonda sull'originale concetto di ISO (Identità Sonora) che caratterizza e distingue in forma unica e irripetibile ogni individuo. I suoi possibili ambiti applicativi spaziano dai più diversi settori della riabilitazione e della terapia al lavoro di prevenzione primaria nell'età evolutiva e di stimolo alla espressione e alla creatività con soggetti normodotati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il prof. Benenzon alla Scuola di Musicoterapia

CasertaNews è in caricamento