menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianpiero Zinzi in consiglio regionale

Gianpiero Zinzi in consiglio regionale

Zinzi, addio a Forza Italia. La prima mossa in Regione

Passerà nel gruppo misto in attesa di ufficializzare la nuova 'casa'

Dopo mesi da separato in casa, Gianpiero Zinzi ha deciso: addio a Forza Italia e, per ora, passaggio nel gruppo misto della Regione Campania. Il passaggio ufficiale, reso noto anche via social dal consigliere, chiude definitivamente l'esperienza di Zinzi nel partito di Berlusconi, anche se per adesso non è chiaro dove continuerà il suo percorso politico (in bilico, per ora, Lega e Fratelli d'Italia).

MAGLIOCCA: "LASCI LA COMMISSIONE, SPETTA A FORZA ITALIA"

Zinzi però ha deciso di iniziare a mandare un segnale e lo farà dagli scranni del consiglio regionale della Campania, conquistato con oltre 20mila preferenze proprio nella lista degli azzurri coi quali, però, i rapporti si sono rotti definitivamente dopo la cancellazione del suo nome (e di quello di Nunzia De Girolamo) dalle candidature alle ultime elezioni politiche per volontà dei Cesaro (padre e figlio) con l'avallo del coordinatore regionale Domenico De Siano.

In un messaggio Zinzi spiega le motivazioni che lo hanno spinto a uscire dal gruppo: “Negli ultimi mesi sono accadute tante cose. Io ho continuato ad andare avanti con la stessa passione e quello stesso impegno che mi riconoscete ogni volta che ci incontriamo, nelle occasioni formali come nelle piazze. Questo non cambierà mai, ma quel disagio che ho denunciato mesi fa con il tempo si è acuito e la scelta di oggi ne è la conseguenza. A chi mi chiede ora cosa farò, rispondo: quello che ho sempre fatto, lavorare per un centrodestra dinamico, pulito e inclusivo. Con le persone che da sempre mi sono accanto e con tutti i nuovi amici che, come me, credono in una politica che metta finalmente l’accento sull'impegno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento