Veleno sulle elezioni, il giallo dei voti comprati: spunta secondo audio ed il sindaco "identifica l'autore"

Apicella: "C'è chi vuole strumentalizzare la giustizia. Ecco quello che è accaduto"

Il sindaco di Trentola Michele Apicella

“C’è un impellente bisogno di Giustizia e chiarezza a Trentola Ducenta, soprattutto al cospetto dei raccapriccianti, ed ormai noti, episodi degli ultimi giorni”. Dopo le polemiche degli ultimi giorni, Michele Apicella ha deciso di uscire allo scoperto e dire la sua in merito alle accuse lanciate dallo sfidante sconfitto Michele Ciocia, che ha parlato di voti comprati, annunciando anche il ricorso per il risultato elettorale (Apicella ha superato il 50% per un solo voto, evitando il ballottaggio). “Ho già sollecitato, e perseverò nella iniziativa, un immediato e rigoroso intervento delle forze dell’ordine, ed in una profonda riflessione della cittadinanza e, soprattutto, degli amici della opposizione consiliare. Reputo, infatti, che al cospetto di talune, gravi, vicende occorsemi, la riflessione debba essere comune, non potendosi smarcare dietro la contingenza della divergenza politica od elettorale”. 

La prima nota audio: "Si riferisce alle elezioni 2018"

Apicella, quindi, ripercorre i fatti: “A luglio viene effettuata una singolare registrazione. Un tale si reca da un commerciante di Trentola Ducenta, tale Armando Costanzo, e registra una conversazione intrattenuta con lo stesso avente ad oggetto un presunto, quanto fantomatico, tentativo di compravendita di voti avvenuto durante, si badi bene, le elezioni comunali del 2018. Il dato temporale già implica riflessioni e considerazioni tutt’affatto pletoriche. Il relativo file audio, ripeto confezionato a luglio del 2020 e, dunque, prima ancora della presentazione delle liste elettorali, viene accuratamente conservato dall’ignaro “intervistatore” per poi essere diffuso, non casualmente, all’indomani della proclamazione della mia elezione a sindaco. E però, a seguito della pubblicazione dello stesso su siti di informazione e blog cittadini il diretto interessato, Armando Costanzo, ossia il commerciante registrato, pubblica un post a radicale smentita di quanto ammiccato nel corso del colloquio registrato, denunciando, peraltro, la indebita effettuazione della captazione effettuata (a lui divenuta nota soltanto a seguito della citata pubblicazione giornalistica)”. 

Il secondo audio, Apicella identifica l'autore: "E' l'avvocato Griffo"

A questo punto “accade l’inverosimile” aggiunge Apicella. “Nella giornata di sabato 26/09/2020, viene diffuso altro audio dal quale si evince che l’autore della registrazione del luglio del 2020 è, guarda caso, il noto avvocato Saverio Griffo, già attinto da vicende giudiziarie poco edificanti per la comunità cittadina ed, oggi, artefice anche di attività para investigative, recte di dossieraggio illegale strictu sensu. Da tale, ultimo, audio, allora, non soltanto emerge a chiare lettere come l’artefice della registrazione sia stato l’appena menzionato avvocato Saverio Griffo ma, soprattutto, che giammai vi è stato incontro alcuno, di carattere elettorale, tra lo scrivente (ovvero membri della famiglia dello stesso) ed il predetto commerciante Armando Costanzo e men che meno che sia stato messo in opera un tentativo di compravendita elettorale durante le elezioni del 2018 inganno di Costanzo. Dalla attenta audizione del file, che sarà prontamente posto alla attenzione delle forze dell’ordine, è dato ricavare una inequivoca attività di “istigazione” posta in essere dal Saverio Griffo nei riguardi del Costanzo nel sollecitarlo ad attingere, pregiudizievolmente, la mia persona e le persone a me vicine”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco: "Tentativo di strumentalizzare la giustizia

Il neo sindaco chiosa: “Per quel che mi riguarda, nel ribadire, fermamente, che si adiranno tutte le vie legali del caso, non posso non constatare che è in atto un vero e proprio tentativo di strumentalizzare la Giustizia e della popolazione per fini personali. Non è un caso, in tale direzione, che la registrazione del luglio del 2020 riguardi la precedente tornata elettorale del 2018. Ergo, si rimette a chi legge ogni ulteriore considerazione suscitata da quanto esposto, rimarcando un concetto di civiltà giuridica e politica: la macchina amministrativa ed i meccanismi di formazione del consenso popolare giammai possono essere condizionati dall’agire di soggetti adusi all’illecito ed alla calunnia e men che meno asserviti ai loro fini personali e processuali. Oggi è capitato a me, domani potrebbe capitare a chiunque”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

  • Muore un altro paziente che aveva contratto il virus nel casertano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento