Il sindaco ritira le dimissioni ed annuncia una nuova giunta tecnica

Sasso rivendica i risultati ottenuti, ma la fine dell'amministrazione potrebbe essere solo posticipata

Il sindaco di Sessa Aurunca Silvio Sasso

Silvio Sasso ritira le dimissioni da sindaco e torna ufficialmente alla guida del Comune di Sessa Aurunca. La decisione è stata ufficializzata nel primo pomeriggio, contestualmente all’annuncio di una nuova giunta tecnica che il primo cittadino sceglierà in prima persona e che sarà creata da persone non collegate a gruppi politici di maggioranza. Il primo cittadino si era dimesso lo scorso primo giugno, poche ore dopo che avevano lasciato la giunta tre esponenti del Partito democratico che fanno capo al consigliere regionale Gennaro Oliviero, da settimane su strade parallele rispetto a Sasso e, soprattutto, in aperta guerra politica con l’attuale presidente del consiglio comunale Massimo Schiavone, ‘reo’ di volersi candidare alle elezioni regionali in un territorio dove Oliviero ha sempre fatto man bassa di voti. Il ritiro delle dimissioni di Sasso, però, potrebbe solo ‘posticipare’ la fine dell’amministrazione comunale: il primo cittadino ha, infatti, annunciato una giunta tecnica che lo dovrebbe accompagnare nell’ultimo anno di governo, ma questa scelta non è “molto gradita” all’area di Oliviero. E tra un po’ si dovrà andare in aula per approvare il bilancio….

La lettera integrale di Silvio Sasso. Nelle scorse settimane, con le dimissioni di alcuni assessori del Pd, si è aperta, per ragioni legate alle prossime Regionali, una risi nella maggioranza che sostiene l’amministrazione. Di seguito ho ritenuto di presentare anche le dimissioni per salvaguardare la cittadinanza e ricondurre tutti su un eventuale terreno di responsabilità di senso del dovere civico, morale e politico. Nei giorni successivi previsti dalla legge per l’efficacia definitiva delle dimissioni, ho continuiamo a lavorare incassando tra l’altro la sospirata apertura della piscina e l’esito positivo del ricorso proposto dal Comune alle Sezioni Riunite della Corte dei Conti che ha confermato la possibilità per l’Ente di ripianare il debito storico così come era stato deliberato secondo un piano quindicinale che potrà essere ulteriormente spalmato in un trentennio in virtù degli ultimi provvedimenti governativi. Un sospiro di sollievo ed un risultato che rivendico personalmente, essendo stato lasciato quasi solo nella fase delle relative determinazioni. Decisioni serenamente assunte perché sostenute, guidate ed ispirate, come sempre, dalla mia storica di antico ed autentico democratico che non ha smesso e non smetterà di essere. Ora in prossimità della scadenza del termine per l’efficacia delle dimissioni che determinerebbero il commissariamento del Comune e la mancata approvazione del piano di risanamento intendo, esclusivamente per responsabilità e vantaggio dei cittadini del territorio, ritirare le stesse nominare una nuova giunta comunale composta da cittadini non riconducibili a gruppi politici, da me so0lo individuati ed invitati a dare un contributo alla comunità ed affidare all’interno consiglio comunale, ma anche a ciascuno dei consiglieri e dei gruppi politici, la  responsabilità di portare a conclusione il mandato ricevuto dagli elettori nell’interesse del territorio e dell’intero popolo aurunco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

  • Altre 8 vittime del virus nel casertano ma i nuovi positivi sono in calo

Torna su
CasertaNews è in caricamento