rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Politica Orta di Atella

Gaudino cerca di 'flirtare' con l'opposizione ma sbatte contro un muro

Dura replica di tutti i consiglieri di minoranza: "Esperienza fallimentare, vadano tutti a casa"

Ultimi disperati tentativi da parte del sindaco di Orta di Atella, Vincenzo Gaudino, di salvare la poltrona e di dare comunque continuità alla sua azione amministrativa. In questo momento non ha i numeri per andare avanti e le dimissioni sono servite anche per cercare di avvicinare qualcuno alla propria ‘maggioranza’. Nelle ultime ore il primo cittadino è stato visto colloquiare all’interno del Municipio con i consiglieri comunali di opposizione Antonio Russo e Pasquale Lamberti ma a quanto pare non si è trattato di un incontro programmato visto che le parti erano in Comune ed è nata anche una ‘chiacchierata’.

Di fatto Gaudino ha bisogno di qualcosa dall’opposizione altrimenti rischia seriamente di dover ‘confermare’ le dimissioni e quindi di affidare nuovamente la città di Orta di Atella in mano ad un commissario.

A prendere posizione sulla vicenda è comunque il gruppo di opposizione che interviene con un articolato documento sulle dimissioni del sindaco Vincenzo Gaudino e sul caos che regna nella maggioranza firmato da Alternativa per Orta, Agire, Noi Orta Viva, Moderati per Orta e dai consiglieri comunali di minoranza: “Le ultime vicende politiche che hanno investito il Sindaco Gaudino e la sua compagine di maggioranza hanno determinato un fallimento fragoroso sul piano politico/amministrativo. Il disfacimento di questa coalizione, a colpi di vicendevoli accuse di poltronismo, sono la conferma di ciò che denunciamo mediaticamente fin dalla campagna elettorale: questa sedicente unione progressista nasce su presupposti ben precisi composta da prebende, poltrone ed ambizioni personali. Uno spettacolo indegno, generato per soli interessi di bottega che mirano al saldo delle cambiali elettorali di gruppi e sottogruppi. Altro che sbandierato cambiamento, questa è la restaurazione. Tutti i componenti dell’attuale maggioranza, nessuno escluso, sono spinti da un ingordigia di incarichi politici e da una sete di potere perpetua. Tanto che la vittoria dell’attuale compagine capeggiata da Gaudino, è sembrata fin dal primo giorno dell’insediamento in consiglio comunale , come un “assalto alla Bastiglia”. L’interesse del bene comune, i problemi veri dell’intera cittadinanza sono stati accantonati per questa lotta fratricida che oramai è emersa pubblicamente”.

Per i consiglieri di opposizione “a pagarne le spese di questa instabilità per non dire isteria politica è la nostra comunità cittadina. Ma con quale faccia ritornerete tutti insieme? In gioco, oltre al destino dei nostri concittadini, ci sono diversi finanziamenti in scadenza che difficilmente intercetteremo per le opere pubbliche, fondamentali per la crescita economica e sociale per gli ortesi. All’attuale maggioranza e al Sindaco diciamo: siete degli irresponsabili ed immaturi per ricoprire ruoli che necessitano serietà e competenza, uno scambio di accuse gravissime che ha avuto come conseguenza una costruzione di un immagine pessima e non credibile di una classe dirigente litigiosa e disunita. Non ci interessa entrare nel merito di queste dinamiche bieche, da giochi di palazzo che generano conati di sdegno e sconforto tra la popolazione, istituzioni mortificate da un pressappochismo e da un opportunismo da fare impallidire qualsiasi tentativo di rinnovamento e rinascita del nostro territorio. L’esperienza di questa coalizione nata il 7 novembre è definitivamente fallita. Vadano tutti a casa”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gaudino cerca di 'flirtare' con l'opposizione ma sbatte contro un muro

CasertaNews è in caricamento