rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Politica Aversa

Sindaco sfiduciato: 13 consiglieri comunali si dimettono dal notaio

Rottura insanabile: De Cristofaro va a casa, si torna al voto in primavera

L’amministrazione comunale di Aversa è sciolta. A due anni e mezzo dal suo insediamento, il sindaco Enrico De Cristofaro viene sfiduciato. Questa sera 13 consiglieri comunali si sono ritrovati dal notaio per firmare le proprie contestuali dimissioni dalla carica che, di fatto, mettono fine all’esperienza amministrativa dell’ex presidente dell’Ordine degli Architetti.

Dal notaio De Rosa si sono ritrovati i 9 consiglieri comunali di opposizione (Marco Villano, Alfonso Golia, Elena Caterino e Paolo Santulli del Partito democratico, Carmine Palmiero e Francesco Sagliocco di Noi Aversani, Gianpaolo Dello Vicario e Nicola Virgilio di Forza Italia, Mariagrazia Mazzoni del Movimento 5 Stelle) insieme ai 3 consiglieri comunali che hanno abbandonato la maggioranza (Michele Galluccio, Mimmo Palmieri, Giovanni Innocenti) ed all'indipendente Mario Tozzi per l’addio definitivo. Si è defilato, proprio alla fine, Claudio Palladino, altro consigliere comunale indipendente che aveva rotto fin da subito con De Cristofaro ma che poi, quando si è presentata la possibilità di firmare le dimissioni, ha preferito soprassedere.

Una decisione che ormai era nell’aria da qualche settimana, visto che la frattura politica ed amministrativa che si era venuta all’interno della maggioranza non era stata in alcun modo affrontata dal sindaco Enrico De Cristofaro che, anzi, invece di tentare di risanare il rapporto coi quattro consiglieri, ha provato prima a dividerli e poi a cercare anche approcci con altri consiglieri di opposizione.

Ma stavolta il piano non gli è riuscito così come avvenne un anno fa, quando fece passare due consiglieri dall’opposizione in maggioranza (Rosario Capasso e lo stesso Innocenti) per evitare la capitolazione dopo la rottura col movimento Noi Aversani. 

Lo scioglimento anticipato permetterà agli aversani di evitare un commissariamento lungo. Si tornerà al voto, infatti, già nella prossima primavera per scegliere il nuovo sindaco ed eleggere il nuovo consiglio comunale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindaco sfiduciato: 13 consiglieri comunali si dimettono dal notaio

CasertaNews è in caricamento