menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Alfonso Golia

Il sindaco Alfonso Golia

Sfiducia al sindaco, Golia appeso ad un filo. Sei consiglieri: "Non andiamo dal notaio"

Crisi conclamata ad Aversa, i dissidenti di maggioranza: "Assumeremo le nostre posizioni sempre in consiglio comunale"

La crisi ad Aversa sembra ormai essere conclamata. E la possibilità che Alfonso Golia possa andare a casa prima della fine del suo primo anno di amministrazione è sempre sul tavolo. Stando a quanto Casertanews è riuscita a ricostruire, si era addirittura arrivati alla possibilità di sottoscrivere le dimissioni: 6 consiglieri di opposizione (Roberto Romano, Luigi Dello Vicario, Francesco Di Palma, Francesco Sagliocco, Gianluca Golia ed Alfonso Oliva) insieme a 6 ex esponenti della maggioranza (Paolo Santulli, Francesco Forleo, Eugenia D’Angelo, Luisa Motti, Emma Dello Iacono, Carmine Palmiero) a cui si sarebbe dovuto aggiungere un altro consigliere comunale del Pd, Maurizio Danzi che, però, alla fine pare sia venuto meno. Sembra che abbia pesato la “vicinanza” col consigliere regionale Stefano Graziano al quale è legato anche in ottica Regionali. Dall’opposizione, invece, hanno risposto picche Giuseppe Stabile (ex candidato sindaco contro Golia), Giovanni Innocenti ed Olga Diana

L’ipotesi di andare dal notaio è stata però negata da 5 consiglieri comunali Paolo Santulli, Eugenia D’Angelo, Francesco Forleo, Imma Dello Iacono e Luisa Motti che, dopo 24 ore dalla pubblicazione dell’articolo, hanno firmato un documento nel quale spiegano che "Nella coerenza con gli impegni assunti, la nostra presenza è di sostegno all’amministrazione votata dai cittadini. La nostra presenza e il nostro impegno sono e saranno tesi solo alla piena realizzazione nell’attuale maggioranza amministrativa, attraverso il voto in Consiglio comunale, del programma votato dai cittadini. Il dialogo con l’opposizione si svolge e si svolgerà unicamente nelle sedi istituzionali. Per la nostra collocazione, e anche per scelta di stile personale, gli studi notarili resteranno deputati a funzioni ben diverse dalla registrazione di posizioni che noi assumeremo sempre nella sala consiliare” (leggi qui la risposta integrale). L’ipotesi del notaio è stata poi negata anche dal presidente del consiglio comunale Carmine Palmiero, con un ulteriore documento sottoscritto insieme con Santulli, Forleo, Dello Iacono e Motti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Attrice casertana sbarca in Rai col 'Commissario Ricciardi' | FOTO

Attualità

Incubo ‘zona rossa’ per una trentina di comuni casertani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento