menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lina Tartaglione e Raffaele Delli Curti

Lina Tartaglione e Raffaele Delli Curti

E’ ufficiale: prima rottura in maggioranza di 2 consiglieri

Delli Curti e Tartaglione: “Manca la politica. E’ finita la nostra esperienza di governo”

Prime grane politiche per il sindaco di Marcianise Antonello Velardi. I consiglieri comunali di ‘Marcianise Futura’ Raffaele Delli Curti e Lina Tartaglione hanno deciso infatti di prendere le distanza con un documento molto duro, che sembra sancire un fallimento dopo neanche sei mesi di amministrazione comunale. In realtà che vi fossero problemi tra i due consiglieri ed il sindaco si era capito fin dalle battute iniziali della nuova amministrazione comunale. Infatti Delli Curti e Tartaglione sono gli unici due consiglieri eletti in maggioranza che non fanno parte del gruppo consiliare unico ‘pro Velardi’.

IL DOCUMENTO INTEGRALE. "Il comitato politico pro – tempore di Marcianise Futura, nel pieno rispetto delle norme anti covid 19, riunitosi in modalità telematica su piattaforma Meet, ha analizzato e condiviso con molti elettori l’azione amministrativa del gruppo consiliare. A quattro mesi dall’insediamento della seconda amministrazione Velardi si è ritenuta doverosa una sincera riflessione circa la ”politica” e la gestione della cosa pubblica, con spirito costruttivo e senza polemiche. La convergenza di due figure di spicco della città come la Dott.ssa Lina Tartaglione e l’Avv.to Raffaele Delle Curti con il movimento e le liste del Dott. Velardi è stata determinata dalla convinzione che superando le vecchie liturgie partitiche si potesse aprire per la nostra città una prospettiva di vero cambiamento, coinvolgendo altresì una attiva partecipazione di tutte le forze vive, economiche, sociali e culturali del tessuto sociale, orientata a imprimere un volto nuovo alla città. Il dato elettorale ha nei fatti sancito una sostanziale parità tra i due candidati al ballottaggio e, purtroppo, confermato una città divisa anche nei veleni e nell'odio. Su queste basi sin dall’inizio, i due consiglieri comunali hanno inteso ricostruire e riallacciare un rapporto sincero tra Istituzioni e cittadinanza. Hanno rinunciato ad ogni ambizione personale, hanno accettato con riserva le decisioni calate dall’alto su ogni punto, ed hanno concentrato il proprio sforzo in iniziative e proposte tutte sottese al miglioramento della città nei fatti, senza aggravio al bilancio comunale. In questa ottica i consiglieri di Marcianise Futura hanno proposto: lo sportello d’ascolto e supporto psicologico al tempo del covid, lo sportello Europeo e delle imprese, il libro d’asporto, una serie di iniziative all’interno della Kermesse “Marcianise on the streets”, l'impresa in un giorno, la diretta streaming delle sedute delle commissioni consiliari, il codice etico per consiglieri e amministratori, una convenzione gratuita per l’istallazione di stalli per biciclette. Non da meno, hanno sollecitato la Giunta Comunale all’introduzione nel DUP di 18 punti programmatici sulle nostre imprese, sulla formazione dei lavoratori, sulla valorizzazione del centro storico, sull'approvazione di un piano traffico, sulla comunità, lo sport e le strutture sportive, sulla biblioteca comunale, sull’ambiente ed ecologia, sulla legalità e trasparenza. A dispetto di tale attivismo, di proposte concrete, di disponibilità, suggerimenti formulati nell’ottica di una più efficace azione governativa per il bene comune, ciò è stato considerato quasi come ostativo, di disturbo, per qualche evidente “fumus" personale. Sarebbe “politichese” negare che esistano fortissime difficoltà a confrontarsi col Sindaco ed i suoi modi e ci sforziamo di capire anche chi non li accetta ma li sopporta e fa buon viso a cattivo gioco. In questi mesi, a parer nostro, è mancato il metodo, i luoghi di confronto e sintesi necessari per scelte amministrative condivise. In poche parole e' mancata la politica. Inutili, fino ad ora, sono stati i tentativi di avere risposte alle nostre proposte ed inutile si è rivelato il tentativo di chiedere un incontro che facesse chiarezza sul futuro e sul progetto politico che si intende attuare per la città. Pertanto, stante la situazione di vigente inidoneità e in assenza di un prevedibile cambio di passo strutturale, il gruppo “Marcianise Futura” ritiene esaurita la sua partecipazione organica al governo della città. Tuttavia per senso di responsabilità verso la comunità tutta, il gruppo “Marcianise Futura” non farà mancare la propria azione propositiva ed il proprio appoggio ad ogni atto che dovesse risultare utile a Marcianise”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento