Regionali 2020. Caldoro a Caserta: "De Luca come Cetto La Qualunque, va cacciato"

Il candidato Governatore si presenta all'hotel Cavalieri: "Le ecoballe l'ennesimo fallimento. Su questa provincia servono investimenti"

Il candidato Governatore Stefano Caldoro all'hotel Cavalieri a Caserta

Il candidato Governatore della Regione Campania, Stefano Caldoro, stamattina ha presenziato alla conferenza stampa organizzata per 'lanciare' la sua candidatura anche in provincia di Caserta. All'hotel 'Cavalieri' di Piazza Vanvitelli presenti anche tutti i coordinatori delle liste che lo sosterranno per il voto di fine settembre. Caldoro ha parlato della "situazione delle ecoballe a Villa Literno" definendola "scandalosa". Perché "su 71 piazzole ne hanno tolte solo sei, questo è il fallimento dell'amministrazione De Luca".

L'ex Governatore della Campania (2010-2015), ha poi ricordato "la visita di Renzi nel 2016 quando disse con De Luca che le ecoballe sarebbero state tolte in tre anni, e se ciò non veniva fatto, la gente li avrebbe dovuti cacciare a pedate. Ebbene, siamo nel 2020 e l'ecoballe sono ancora lì ma questa gente si ricandida; andrebbe invece cacciata a pedate". In merito ad un eventuale confronto pre elettorale, Caldoro ha sottolineato che "De Luca non ha mai voluto fare un confronto con me, la sua sedia era sempre vuota tranne una volta a Sky, lui quando parla da solo è bravo, perché è roba da operetta, tipo Cetto La Qualunque".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caldoro ne ha anche per “i voltagabbana che sono passati con De Luca; di loro ho un giudizio negativo. La gente di allontana dalla politica per questo. Noi ci appelliamo al voto libero, se i casertani vogliono cambiare, noi ci siamo“. Sulla provincia di Caserta, per la quale “sono necessari investimenti”, Caldoro ammette che ha una sua centralità straordinaria, perché deve essere occupata dai salernitani? “Perché – prosegue – sulla mozzarella bufala vi devono essere trattamenti diversi, così come sugli abbattimenti dei capi? Perché quando si devono investire sulla sanità, si dirottano soldi al Policlinico di Salerno? Abbiamo visto che c’è stato focolaio a Mondragone, e ciò perché la Regione non è stato in grado di gestire la situazione in modo preventivo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

  • Muore un altro paziente che aveva contratto il virus nel casertano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento