Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Ecco la mozione di sfiducia: sindaco ad un passo dall'addio a 6 mesi dall'elezione

Potrebbe essere votata entro la prima decade di dicembre. In 9 pronti a mandarlo a casa

Il sindaco di San Felice a Cancello Giovanni Ferrara

Le dimissioni non sono arrivate, la mozione di sfiducia sì. Dopo Marcianise , un altro sindaco potrebbe andare a casa con un voto di sfiducia palese in consiglio comunale.

Oggi negli uffici del Comune di San Felice a Cancello è stata presentata la mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Giovanni Ferrara che sarà votata dai tre consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle ed i sei dissidenti della maggioranza (due non l’hanno firmata, ma la voteranno).

A proporre la mozione di sfiducia è stato proprio il Movimento 5 Stelle guidato da Luciano Bernardo (ex candidato sindaco) che appena 24 ore prima aveva chiesto le dimissioni di Ferrara annunciando la mossa di stamattina nel caso non fossero arrivate. Da oggi scatta il count-down per la convocazione del consiglio comunale che potrebbe tenersi nella prima decade di dicembre (venerdì 6 è la data maggiormente ipotizzata).

Per sabato, invece, è in programma il consiglio comunale che dovrà votare il bilancio consolidato 2018 ed alcuni debiti fuori bilancio.

Ferrara, di fatto, si avvia a chiudere la sua brevissima esperienza da sindaco dopo appena sei mesi. A votare la mozione di sfiducia, a meno di clamorosi colpi di scena, dovrebbero essere Luciano Bernardo, Tina De Lucia, Roberto Nuzzo coi dissidenti Lello Melchiorre, Gelsomina Piscitelli, Tino D’Ambrosio, Gianluigi Carfora, Vincenzo Sgambato e Corrado Colella.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco la mozione di sfiducia: sindaco ad un passo dall'addio a 6 mesi dall'elezione

CasertaNews è in caricamento