rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Politica

Nomine in Provincia, Magliocca trova la sua prima maggioranza

Il Presidente ha sottolineato le gravi difficoltà finanziarie dell'Ente

"Trasparenza e competenza": sono queste le indicazioni che sono arrivate dal presidente della Provincia di Caserta Giorgio Magliocca in consiglio provinciale dando le linee guida per la scelta dei nomi per gli Enti strumentali. "Io voglio scegliere la qualità e per questo motivo le persone saranno scelte da commissioni apposite, senza alcun favoritismo" ha affermato Magliocca sottolineando anche le grandi difficoltà economiche dell'Ente le cui spese vanno ben oltre le entrate.

"Apprezziamo l'apertura ed il Pd ha già lavorato con la precedente amministrazione per far sì che la Provincia riesca a rialzare la testa - ha risposto Marco Villano - ma bisogna mettere un punto: questo disastro economico è stato creato da 10 anni di amministrazione di centrodestra e questo deve essere sottolineato". Ed ha aggiunto: "Lo scenario della Provincia, col centrosinistra che ha 13 consiglieri eletti, una maggioranza enorme contro quella che è la posizione del presidente, le impone di considerare il consiglio provinciale al centro della sua azione. Anche in questa ottica propongo un emendamento che faccia prevedere un "passaggio di gradimento" delle nomine che il presidente farà in consiglio provinciale. Un passaggio che dia un indirizzo politico, non certo amministrativo, che potrebbe essere importante nell'alveo della collaborazione che ci è stata richiesta".

Insediamento Magliocca

Dopo un piccolo siparietto che ha visto protagonista il consigliere di Campania Libera Rosario Capasso col presidente Magliocca ed il segretario generale (legato ad una mancata attenzione nel corso del suo intervento), c'è stata un'apertura di credito nei confronti di Magliocca a parte di Gianluigi Santillo di Campania in Movimento: "Voglio dare fiducia a questo presidente e chiedo ai consiglieri che hanno presentato emendamenti (oltre a Villano anche Alessio Dello Stritto di Forza Italia, nda) di ritirarli per aprire una discussione e poi tornate in Consiglio".

Alla fine l'emendamento di Forza Italia (che era relativo ad una modifica delle norme relative alla revoca delle persone che saranno nominate nei prossimi giorni) viene ritirato, mentre quello di Villano resta in campo. "Io non voglio essere un uomo solo al comando - ha replicato il presidente Magliocca - e chiedi al consiglio provinciale di assumersi responsabilità anche nella gestione dell'Ente. Io mi astengo dalla votazione perché ritengo che vada ad intaccare quelle che sono le prerogative del presidente". L'emendamento è stato messo ai voti e Magliocca ha incassato i voti, oltre che di Forza Italia, anche di Pino Moretta e Carlo Russo (Democratici e Riformisti), Angelo Barretta, Francesco Petrella e Rosario Capasso (Campania Libera); Gianluigi Santillo (Campania in Movimento); Raffaella Zagaria e Angela Improta del Pd. A favore i 4 consiglieri dei Moderati più lo stesso Villano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nomine in Provincia, Magliocca trova la sua prima maggioranza

CasertaNews è in caricamento