rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Politica Via Salvatore Maielli

Pd, rivolta nel Matese contro Mirabelli. "Se cacciano Oliviero andiamo via tutti"

Durissimo documento contro il commissario provinciale di Caserta

Un documento di sostegno al consigliere regionale Gennaro Oliviero è stato sottoscritto da decine di iscritti del Partito democratico ed inviato ai vertici nazionali guidati da Matteo Renzi. L’azione segue la dura lettera col quale il commissario provinciale del Pd Caserta Franco Mirabelli ha ‘denunciato’ il comportamento del politico casertano, accusandolo di aver creato “un partito nel partito” e di essere stato il colpevole della sconfitta di Carlo Marino alle elezioni provinciali.

Giovedì sera presso la sede del Pd di Gioia Sannitica si sono riuniti iscritti al Partito Democratico e del territorio matesino, con la presenza di amministratori, rappresentanti di associazioni e società civile. “Tale riunione - si legge in una nota - è stata organizzata visto l'esposto del senatore Mirabelli alla Commissione di Garanzia del PD nei confronti di Gennaro Oliviero. In questa riunione è stata scritta una lettera a sostegno di Oliviero per condannare tale azione e prenderne totalmente le distante da una gestione fallimentare del partito in provincia di Caserta che porta la firma del commissario stesso”.

La lettera è stata firmata da Alessandro Landolfi, Miriam Simeone, Antonio Orsi, Monica Ottaviani, Franca Cinotti, Fiorella D'Angiolillo, Fernando Catarcio, Gianfranco Fiondella, Giuseppe Gaetano, Pasquale Cialella, Francesco Cubrato, Paolo Lutri, Fabio Civitillo, Licia Zappulo, Antonio Zappulo, Renato Santagata, Enzo Di Tommaso, Stefania Vitagliano, Marcellino Riccitelli, Antonio Di Tucci. La stessa è stata inviata alla segreteria nazionale, regionale e provinciale del PD ed alla commissione di garanzia che dovrà decidere sull’espulsione o meno di Oliviero dal partito.

LA LETTERA INVIATA. Dopo aver appreso dagli organi di stampa che il Senatore Mirabelli ha inoltrato alla Commissione Nazionale di garanzia del PD un esposto nei confronti del On. Gennaro Oliviero, gli iscritti del PD, simpatizzanti, amministratori locali e le associazioni presenti sul territorio matesino, dissentono e prendono le distanze non solo dall’esposto ma anche dalla gestione politica ed organizzativa del partito democratico in provincia di Caserta. Oggi si sta cercando il “capro espiatorio” di una gestione fallimentare che porta il nome del Sen. Mirabelli. I fatti parlano chiaro: fallimento nelle gestioni delle elezioni amministrative dei comuni di Maddaloni, Marcianise, Piedimonte Matese e per concludere la cocente sconfitta di Marino alla provincia di Caserta. L’ incapacità di portare questo partito e diverse sezioni del PD a congresso e ridare loro dignità ed univoca rappresentanza. Oggi il Senatore ha presentato un esposto ad un consigliere regionale che ogni giorno lavora per il territorio, garantendo assidua presenza e disponibilità non solo della persona ma anche del partito stesso. Persona capace di catalizzare intorno al PD, forze politiche che vanno dalle associazioni alla società civile le quali non si riconoscerebbero senza la sua presenza nell’attuale PD. Tale forza risiede nella sua onestà intellettuale e nel suo essere per Crediamo, soprattutto come iscritti al Partito Democratico, che il lavoro di un commissario debba essere quello di scegliere le persone migliori per il bene di tutto il partito e non subire e prendere in considerazione personalismi o decisioni calate dall’alto attivando la “macchina del fango”, in modo da abbattere il consenso popolare a vantaggio di chi i consensi non li guadagna sul campo ma attraverso regie pseudo-occulte alienate dal contesto locale regionale e nazionale, il tutto finalizzato ad escludere/includere candidati in posizioni utili nella prossima tornata elettorale nazionale. Tutti, in questo momento, ci uniamo all’ Onorevole Oliviero, auspicando il ritiro immediato dell’esposto a firma del Sen. Mirabelli , pronti a sostenere ogni azione politica dell’On. Oliviero. Pensiamo che, dopo l’ennesima azione sbagliata, ilSenatore abbia concluso la sua parentesi da Commissario in Provincia di Caserta. Se mai questa azione denigratoria avesse seguito, gli iscritti sono pronti a riconsegnare tutte le tessere alla Segreteria Nazionale

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd, rivolta nel Matese contro Mirabelli. "Se cacciano Oliviero andiamo via tutti"

CasertaNews è in caricamento