rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Politica Casapulla

L’intervista. Il neo senatore grillino Santillo: “Priorità alle istanze del territorio”

Il grillino commenta l’exploit del Movimento in provincia di Caserta

A distanza di dodici anni Casapulla ha un altro rappresentante in Parlamento. Nel 2006 – correva la XV legislatura -  Peppe Trepiccione conquistò uno scranno a Montecitorio nel collegio di Torino sotto la bandiera dei Verdi di Alfonso Pecoraro Scanio; oggi tocca ad Agostino Santillo, militante sin dalla prima ora del Movimento 5 Stelle, veder coronare la sua ascesa a Palazzo Madama.

Debuttante, l’ingegnere di Casapulla si era già misurato alle Regionali del 2015, riportando 5159 e piazzandosi al terzo posto dopo l’eletto Vincenzo Viglione e Margherita Del Sesto. Agli estranei al Movimento il nome potrà dire poco, ma dopo questi ulteriori due anni di frenetica attività il suo peso specifico è salito a dismisura ed oggi – a prescindere dall’elezione al Senato – è uno degli uomini di punta della Campania. Praticamente è stato impossibile raggiungerlo all’indomani della straordinaria affermazione: di buon mattino si è dedicato come sempre alla sua razione di footing quotidiano, nel pomeriggio, fino a tarda sera, ha partecipato insieme agli altri eletti ed ai militanti, alla festa del premier in pectore Luigi Di Maio a Pomigliano. Quando meno te lo aspetti lo incroci al solito bar della città natale e non si sottrae al taccuino e all’intervista di rito, anche se con la dovuta cautela, in ossequio alle norme che gli eletti del Movimento devono osservare in attesa della proclamazione ufficiale.

“Sono estremamente soddisfatto dell’affermazione – esordisce Santillo – che va condivisa con tutti gli attivisti e con tutti gli elettori che hanno inviato un messaggio troppo chiaro. Dopo la fase della protesta riconducibile alla nostra attività di forza emergente della politica e dopo la fase di proposta che ha contraddistinto il nostro operato in Parlamento nella legislatura scorsa, ora è arrivato il momento dell’operatività e di tramutare nei fatti il programma elettorale sottoposto agli elettori e da questi approvato col voto. Quello dato al Movimento 5 Stelle è un voto espresso con la consapevolezza che esso è l’unica forza politica che li tuteli. Ha portato avanti in questi anni e continua con coerenza e competenza le battaglie nell’interesse della collettività”.

Il concetto che qualche denigratore sta portando avanti in questo frangente è che a prescindere da tutto, anche un cittadino qualsiasi, pescato a caso, sarebbe diventato parlamentare spinto dal vento…

“Il Movimento – ribatte Santillo – ha inserito nelle sue liste cittadini attivi, con anni di militanza alle spalle e designati on line a tale ruolo dagli iscritti certificati. Anche questo ha influito sulla scelta della forza politica da sostenere, perché proveniente dal basso e non imposta dal leader di turno. Ciascuno di noi, votati dagli iscritti nella fase propedeutica alle elezioni, pertanto è chiamato a rispondere ai requisiti di capacità, trasparenza e affidabilità in coerenza coi principi del Movimento”.

Caserta ha spedito a Roma un nutrito gruppo di rappresentanti pentastellati, tutti compartecipi delle stesse istanze. In base alle capacità e professionalità di ciascuno andranno a posizionarsi nelle varie commissioni, Agostino non nasconde qualche preferenza.

“Decisamente – conclude il neo senatore – la mia storia professionale mi fa propendere verso i lavori pubblici o l’ambiente, ma se si dovesse creare sovrapposizione con qualche collega di maggiore esperienza, non esiterei a fare un passo indietro e dirottare le mie attenzioni altrove. Ma sono sicuro che insieme a tutta la squadra daremo il massimo per cercare di migliorare sempre più la nostra provincia ed il nostro territorio”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’intervista. Il neo senatore grillino Santillo: “Priorità alle istanze del territorio”

CasertaNews è in caricamento