Il sindaco prova a spostare l'attenzione. Ma ora c'è anche il rebus elezioni provinciali

Pur senza numeri, Velardi non sembra avere, per ora, intenzione di lasciare. Adesso bisogna scegliere anche il candidato entro 48 ore

Carmen Ventrone in prima fila accanto al sindaco Antonello Velardi

Per ora le dimissioni non sono all'ordine del giorno. Nonostante una maggioranza sfaldata, i rumors che arrivano dagli uffici di piazza Umberto I a Marcianise parlano di un sindaco ancora ben saldo al suo posto. Antonello Velardi, nonostante l'addio di 5 consiglieri che appoggiavano la sua amministrazione, non sembra aver intenzione di presentare le dimissioni, almeno per il momento.

Nelle intenzioni di Velardi c'è la volontà di spostare l'attenzione dai problemi politici e giudiziari (e la settimana del Crocifisso potrebbe aiutarlo in tal senso). Il sindaco vuole far passare qualche giorno e poi cercare di capire come poter gestire la situazione e se c'è qualche opportunità di trovare altrove i numeri per continuare ad amministrare (ipotesi che al momento appare, comunque, molto difficile).

Ma intanto bisogna prendere, nel breve periodo, anche una scelta politica importante. Entro 48 ore, infatti, la maggioranza (o quel che resta) che guida il Comune di Marcianise dovrà indicare un candidato per le elezioni provinciali di Caserta e cercare di convigliare su di esso i voti per permettere l'elezione. Il nome designato sembra essere quello di Carmen Ventrone, ma lo scenario nelle prossime ore potrebbe cambiare. Ad essere c'è da valutare la posizione di Raffaele Guerriero, consigliere provinciale uscente, che ha deciso di restare fedele al sindaco non firmando il documento 'contro' così come hanno fatto i suoi colleghi di partito Telia Frattolillo e Gennaro Laurenza.

Guerriero sperava in una ricandidatura, ma sicuramente oggi non potrebbe contare sull'appoggio del Pd marcianisano ed è probabile che possa chiedere una mano al sindaco. Cosa che potrebbe creare qualche problema nella coalizione del sindaco, considerando che la stessa Ventrone fu sacrificata due anni fa per dare spazio ad Enzo Galantuomo, che oggi è tra i firmatari del documento col quale 5 consiglieri sono passati all'opposizione. Sono ore cruciali a Marcianise, dove non si può più sbagliare per evitare altri addii.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento