rotate-mobile
Politica

Il centrosinistra esplode. “Troppi incarichi importanti al Pd, dopo le Provinciali si cambia”

Crisci (Moderati) all’attacco: “Democrat guidano Ambito Rifiuti ed Idrico, Consorzio Asi, parchi regionali di Matese e Roccamonfina. Dopo il voto del 18 dicembre rimettiamo tutto in discussione”

Se non è una dichiarazione di guerra, poco ci manca. Ma il ‘caso’ sollevato dal segretario provinciale del Pd Emiddio Cimmino e dal candidato presidente alle Provinciali Antonio Mirra hanno, di fatto, ufficialmente rotto la pace interna al centrosinistra. Perché, ormai, non si parla più della vittoria alle elezioni del 18 dicembre, ma di quello che accadrà dopo. Con un Partito democratico così debole, infatti, il gruppo dei Moderati guidato dal consigliere regionale Giovanni Zannini, sostenuto da Noi Campani e Italia Viva, può guardare anche ad altre sfide.

E non ne fa un mistero il consigliere provinciale uscente Pasquale Crisci, che lancia, di fatto, già il guanto di sfida. Non lesinando, prima, un attacco al sindaco di Santa Maria Capua Vetere: “E’ giusto ricordare che lo stesso Mirra, ancora oggi, nonostante la candidatura, continua ad occupare la prestigiosa poltrona di coordinatore dell'Ente d'Ambito per la gestione del ciclo dei Rifiuti in Provincia di Caserta, grazie soprattutto ai voti delle forze moderate presenti nel Consiglio d'Ambito. In ragione di ciò, non accettiamo lezioni di opportunità da chi avrebbe dovuto rassegnare le proprie dimissioni da coordinatore da Ente d'Ambito Rifiuti contestualmente all'accettazione della candidatura a Presidente della Provincia di Caserta, ben rilevando la fattispecie di non poco conto per cui ancora non sono chiari i rapporti tra Gisec Spa ed Ente d'Ambito Rifiuti”.

Poi attiva la vera e propria dichiarazione di guerra. “Ad oggi, è in capo al PD, il coordinamento dell'Ambito distrettuale idrico della Provincia di Caserta (Franco De Michele, nda), la Presidenza del Parco Regionale del Matese (Vincenzo Girfatti, nda) e di Roccamonfina (Luigi Maria Verrengia, nda), così come la Presidenza del Consorzio Asi di Caserta (Raffaella Pignetti, nda). Riteniamo .- aggiunge Crisci -inaccettabile questa sproporziata attribuzione di responsabilità in favore del PD, anche perché i risultati delle ultime elezioni regionali, provinciali e comunali registrano un rapporto elettorale decisamente diverso ed appannaggio dei gruppi che fanno riferimento ai Moderati, a Noi Campani ed a Italia Viva. E’ nostra intenzione - conclude Crisci - dopo la vittoria in provincia, sostituire tutte le rappresentanze oggi in capo a un PD minoritario in favore dei sindaci di area Moderata”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centrosinistra esplode. “Troppi incarichi importanti al Pd, dopo le Provinciali si cambia”

CasertaNews è in caricamento