Fratelli d'Italia lancia la sfida anche alla Lega: "A Caserta vogliamo essere il primo partito" I VIDEO

Aderiscono cinque consiglieri comunali, ufficializzati i nomi di 3 nuovi coordinatori

Le nuove adesioni a Fratelli d'Italia Caserta

Cinque nuovi consiglieri comunali e la nomina di tre coordinatori cittadini: Fratelli d’Italia si dimostra in buona salute anche in provincia di Caserta dove continuano la adesioni al partito di Giorgia Meloni. In conferenza stampa sono state presentate le adesioni dei consiglieri comunali Alfonso Oliva (Aversa), Alfonso Bracciano (Carinaro), Giovanni D’Ambrosio (Casaluce), Franco Russo (Casal di Principe) e Giuseppe Mariniello (Lusciano). Contestualmente sono stati nominati anche i nuovi coordinatori cittadini di Capua (Geltrude Giusti), Casaluce (Giovanni Veneziano) e Liberi (Gennaro Vastano).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuovi arrivi che dimostrano come, oggi, Fratelli d’Italia si arrivata finalmente ad essere un punto di riferimento nella coalizione di centrodestra e questo le permetterà di avanzare proposte anche sui nomi dei candidati sindaci alle prossime elezioni amministrative. “Lo faremo - ha affermato il segretario provinciale di Fratelli d’Italia Caserta Enzo Pagano - Vogliamo assumere un ruolo importante nella coalizione e puntiamo ad essere il primo partito del centrodestra in provincia. A differenza della Lega, noi metteremo al centro dell’attenzione il Sud Italia e ce la giocheremo sull’assistenza che riusciremo a dare alle piccole e medie imprese, ragionando anche su una fiscalità di vantaggio per chi investe nel Mezzogiorno”.

In ottica Regionali 2020, c’è ancora da sciogliere il nodo sulla scelta del candidato presidente, dopo lo stop arrivato da Giorgia Meloni e Matteo Salvini nome di Stefano Caldoro. “Non è un veto sul nome - spiega il coordinatore regionale Gimmi Cangiano - bensì sul metodo. L’indicazione del candidato presidente in Regione Campania spetta a Forza Italia, ma lo stesso deve essere però condiviso con gli altri partiti della coalizione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento