rotate-mobile
Politica

ELEZIONI Flop 5 Stelle, tracollo di voti per i candidati sindaci grillini

Nelle città più 'forti' grande delusione per il risultato elettorale degli aspiranti primi cittadini

Un flop a 5 Stelle. Le elezioni comunali svoltesi domenica in 18 comuni della provincia di Caserta hanno ribadito ancora una volta la difficoltà del Movimento a fare breccia nell’elettorato quando si tratta di votare per la gestione amministrativa delle città, a differenza dei dati che sul nazionale hanno permesso ai grillini di diventare la prima forza politica del Paese.

Una delusione ancora più forte perché arriva su territori che lo scorso 4 marzo, in occasione delle elezioni politiche, avevano espresso un gradimento fortissimo per i 5 Stelle. È il caso di Maddaloni, dove erano stati eletti deputati Antonio Del Monaco e Marianna Iorio: qui domenica la candidata Tina Santo si è fermata al 7,46 % dei voti e per i grillini è scattato un solo seggio, proprio quello dell’aspirante primo cittadino.

Non va certamente meglio a Orta di Atella, forte del deputato grillino Giovanni Russo. Il quasi omonimo Vincenzo Russo, candidato al Municipio, non è andato oltre l’11,19%, piazzando in ultima posizione tra i quattro contendenti alla fascia tricolore, che vedrà il ballottaggio tra Villano e Gaudino. Una batosta tale che potrebbe anche impedire allo stesso Russo di entrare in Consiglio, con il Movimento clamorosamente fuori dai giochi.

Grossa delusione infine anche a San Tammaro, dove il Meetup è da tempo presente sul territorio con le sue battaglie. Qui i grillini, col candidato sindaco Carlo Meola, hanno raccolto le briciole: solo 62 le preferenze espresse per i candidati, una disfatta contro gli oltre mille voti raccolti dalle tre liste avversarie di D’Angelo, Bovienzo e del sindaco Stellato.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ELEZIONI Flop 5 Stelle, tracollo di voti per i candidati sindaci grillini

CasertaNews è in caricamento