Giovedì, 18 Luglio 2024
Europa

Elezioni Europee. Cerreto lancia i suoi 4 punti per portare Caserta in Europa

Convention con il deputato di Fratelli d'Italia: "Senza adeguata rappresentanza questo territorio rischia di finire nell'oblio"

Portare Caserta in Europa in 4 punti. E' questa la ricetta di Marco Cerreto, deputato casertano di Fratelli d'Italia e candidato alle europee dell'8 e 9 giugno. Lunedì all'hotel Europa di via Roma, Cerreto ha incontrato simpatizzanti e sostenitori per presentare i motivi della sua discesa in campo e gli obiettivi del suo impegno.

L'impegno per un'Europa diversa

"Noi siamo soldati politici e quando il partito ci chiama noi gridiamo 'presente' - ha esordito - Noi abbiamo un'idea diversa di Europa. Oggi la Commissione Europea ha risucchiato la sovranità degli stati e ci attanaglia di regolamenti che entrano pesantemente nella nostra quotidianità: dalle scelte delle imprese agricole, alla politica industriale fino a che auto dobbiamo usare e alle classi energetiche delle nostre case. L'Europa, oggi, rende gli Stati regolatori di regole scritte da altri", ha tuonato. 

"No ad accordi commerciali con chi non applica le stesse regole"

Il capogruppo in Commissione Agricoltura di Fratelli d'Italia ha evidenziato: "A Salerno ci sono 30mila tonnellate di pomodoro proveniente dalla Cina. I consumatori non sapranno mai quali direttive i produttori hanno seguito. Ci sono regole che valgono per noi ma non per i nostri competitors diretti - prosegue - Noi siamo disposti a firmare accordi commerciali solo con i paesi che seguono le nostre stesse regole e che non mandano i bambini a lavorare o sfruttano le donne. Se questi paesi non vogliono firmare gli accordi di reciprocità siamo dell'idea che vadano applicati dazi commerciali in modo da evitare concorrenza sleale". 

"La nostra Costituzione ripudia la guerra"

Per Cerreto, inoltre, "l'Europa è assente su temi importanti come la guerra per la quale non c'è una posizione unitaria - dichiara ancora - La Costituzione italiana la guerra la ripudia e su questo dobbiamo rivendicare un'Europa diversa. Per questo ci candidiamo, per portare una nuova maggioranza in Europa e per sostenere le buone ragioni di un territorio che senza un'adeguata rappresentanza rischia di finire nell'oblio", prosegue Cerreto. 

I quattro punti per portare Caserta in Europa

Ed ecco, dunque, i quattro punti per Caserta. "Il primo: la creazione di sportelli di consolati commerciali del Mediterraneo da allocare al Belvedere di San Leucio - annuncia - Una proposta che si fonda su una delibera della giunta del Capoluogo del 2003. Sono passati 21 anni e siamo pronti a realizzarla incardinata nel Piano Mattei". Ancora. "La realizzazione di un distretto dell'Aerospazio con il Cira al centro di una dimanica di ricerca e commerciale - prosegue Cerreto - Lanciamo la nostra sfida alle stelle con il coinvolgimento dell'agenzia aerospaziale nazionale, dell'Esa, della facoltà di ingegneria aerospaziale della Federico II".

Terzo punto: "la realizzazione di corridoi marittimi per i poli logistici di Aversa, Gricignano e Maddaloni-Marcianise che devono avere uno sbocco al Mediterraneo. E' un'opera da mettere al centro del dibattito politico". Infine, "una proposta affascinante", come la definisce lo stesso Cerreto: "l'insediamento alla Reggia di Caserta o in una sede prestigiosa a Napoli di un'organizzazione pubblico privata per una commodity internazionale, come quella dell'olio o del caffè". E infine l'appello al voto del territorio: "Chi vuole portare Caserta in Europa non può che votare per me", ha concluso Cerreto. 

La convention di Marco Cerreto all'Hotel Europa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Europee. Cerreto lancia i suoi 4 punti per portare Caserta in Europa
CasertaNews è in caricamento