Politica Sessa Aurunca

L'ex sindaco svela: "Dietro la sfiducia il mio no alle assunzioni di figli e figliastri in Comune..."

Il candidato sindaco Silvio Sasso torna all'attacco degli ex alleati

Subito dopo la presentazione delle liste per le elezioni amministrative di Sessa Aurunca, Silvio Sasso era stato chiaro: “Questo voto sarà un referendum su Gennaro Oliviero”. E l’ex sindaco, mandato a casa proprio dal gruppo che fa capo al presidente del consiglio regionale, intende giocarsi le sue chance per l'elezione tutte all’attacco.

A Sessa Aurunca il clima è già incandescente. Martedì c’è stato un ‘botta & risposta’ molto duro tra lo stesso Oliviero e l’europarlamentare del Pd Pina Picierno sulla scelta del candidato sindaco Lorenzo Di Iorio.

Stamattina, dai social, ha mandato un nuovo durissimo attacco agli ex alleati, parlando di quando fu sfiduciato in consiglio comunale, a fine ottobre del 2020. “I motivi della sfiducia di un anno fa sono in parte noti, in parte ancora tutti da scoprire” ha scritto Sasso. “Di certo mi fu chiesto di bandire i concorsi per le assunzioni al Comune prima della campagna elettorale con lo scopo di promettere, come sta accadendo anche oggi, quei posti a tanti per poi assegnarli in realtà a “figli e figliastri…” nel senso letterale del termine. Mi furono fatti anche dei nomi. La mia risposta fu: “Ma voi siete pazzi, no”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex sindaco svela: "Dietro la sfiducia il mio no alle assunzioni di figli e figliastri in Comune..."

CasertaNews è in caricamento