Regionali 2020, Santangelo studia la strategia per la candidatura. C’è anche l’ipotesi renziana

L’imprenditore potrebbe stringere l’accordo con Bosco, ma De Filippo (che lo dovrebbe appoggiare) tiene aperta anche la porta con Zinzi. L’operazione potrebbe coinvolgere anche Campolattano

L'imprenditore di Maddaloni Vincenzo Santangelo

Vincenzo Santangelo vuole candidarsi alle elezioni regionali 2020 ma, per ora, non ha trovato ancora una ‘casa’ che lo ospiti. L’imprenditore di Maddaloni sta sondando varie opzioni. Da un lato c’è il sindaco Andrea De Filippo (che lo dovrebbe appoggiare) che ha aperto un dialogo col consigliere regionale Gianpiero Zinzi (che sta lavorando alla lista ‘Cambiamo’), ma ad oggi non c’è ancora una decisione. Anche perché Santangelo, dal canto suo, continua a mantenere aperto il dialogo con l’altro consigliere regionale Luigi Bosco, col quale si candidò nella lista ‘Campania Libera’ 5 anni fa finendogli dietro. Stavolta Bosco (diventato adesso renziano) non si candiderà e questo potrebbe spingere Santangelo a provare la candidatura, seppur nella lista si ritroverebbe a competere con Liliana Trovato di Caserta ed Orlando De Cristofaro di Aversa che sono comunque avversari da ‘rispettare’.

A queste mosse è molto attento anche il consigliere comunale Angelo Campolattano, vicino alle posizioni dell’ex europarlamentare Nicola Caputo: l’ex Pd dovrebbe anche lui appoggiare Santangelo e negli ultimi giorni ha avuto un dialogo fitto col sindaco De Filippo, ‘intestandosi’ anche la battaglia per gli operatori commerciali del mercato ortofrutticolo. Un’operazione che non sembra essere quella di un consigliere di opposizione. Tant’è che, in questi giorni, si è fatta avanti anche l’ipotesi della nascita di un gruppo di ‘Italia Viva’ in consiglio comunale che potrebbe vedere la presenza dello stesso Campolattano, di Bruno Cortese (consigliere di opposizione, sulla carta, ma molto vicino al sindaco De Filippo) e completato con Nunzio Caiazzo (fedelissimo di Santangelo) che si staccherebbe da ‘Maddaloni nel cuore’ (per creare il gruppo in consiglio comunale c’è bisogno che lo stesso sia composto da almeno tre membri). Un’operazione, questa, che, se realizzata, potrebbe provocare anche degli scossoni interni alla maggioranza.

Per Santangelo, in realtà, c’è anche un’altra opzione, quella di Clemente Mastella. Se l’attuale sindaco di Benevento dovesse infatti continuare la sua battaglia nel centrodestra e presentarsi alle elezioni regionali da solo, per l’imprenditore di Maddaloni sarebbe una chance da valutare. Anche se sono in tanti, negli ambienti regionali di Forza Italia, a pensare che alla fine Mastella troverà l’intesa col partito di Berlusconi, rientrando nei ranghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento