Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Regionali 2020. Due sindaci 'nemici' nella stessa lista

Il primo cittadino di Frignano dopo aver abbandonato la Lega si 'tuffa' a sinistra dove trova il vicino amministratore di Casaluce

L'ex sindaco di Casaluce, Nazzaro Pagano, e il sindaco di Frignano, Gabriele Piatto

In politica bisogna attendersi di tutto, ma quello che è accaduto negli ultimi giorni nell'agro aversano ha sicuramente dell'incredibile. Gabriele Piatto, sindaco di Frignano, dopo aver perso l'opportunità di candidarsi con la Lega (e quindi con Stefano Caldoro) ha deciso di 'spostarsi' a sinistra chiedendo la candidatura a Campania Libera (quindi col sostegno al Governatore uscente Vincenzo De Luca). Dopo alcuni giorni di riflessioni e di incontri ecco che arriva anche l'accordo, che sarà ratificato solamente nelle prossime ore: Piatto si candida al consiglio regionale con la lista civica 'Campania Libera'. 

Piatto aveva già annunciato la sua fuoriuscita dalla Lega dopo alcune incomprensioni con i leader provinciali e regionali, e la sua decisione di abbandonare il partito di Salvini era stata 'confermata' anche da un video pubblicato sui social dal sindaco di Frignano che parlava di una - appunto - 'Campania Libera'. Quindi il primo cittadino frignanese dovrà lasciare l'incarico nelle prossime settimane per affrontare la campagna elettorale e per sfidare, sull'agro aversano, anche un ex collega 'nemico', quel Nazzaro Pagano di Casaluce che paradossalmente si trova nella sua stessa lista. 

Pagano ovviamente lavora a questa candidatura, da sempre a sinistra, da qualche mese con la 'ufficializzazione' arrivata già qualche mese fa nella sala consiliare di Casaluce con la presenza dell'europarlamentare Andrea Cozzolino. L'ex sindaco (per 10 anni) di Casaluce - oggi assessore - sta portando avanti il percorso politico che lo ha visto come uno dei primi candidati ufficiali di Campania Libera. 

Quindi l'agro aversano avrà due amministratori, uno contro l'altro, e basta pensare che Frignano e Casaluce sono anche Comuni confinanti, che scenderanno in campo per le Regionali con la stessa lista. Un paradosso - forse - incredibile di questa campagna elettorale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali 2020. Due sindaci 'nemici' nella stessa lista

CasertaNews è in caricamento