Politica

Regionali 2020. De Luca 'tifa' Lega in Umbria per evitare la 'exit strategy'

Si lavora sulle liste civiche: si muove l'ex senatore D'Anna. Zannini guarda a Renzi, così come Bosco che resta in ballo anche per il Pd

Nel Partito democratico c'è chi tifa Lega alle elezioni regionali in Umbria che si svolgeranno il prossimo 27 ottobre. Sembra una pazzia, ma invece per il governatore della Campania Enzo De Luca il voto di fine mese in centro Italia rappresenta un vero e proprio spartiacque per il proprio futuro.

In Umbria, infatti, è stato sancito il primo accordo ufficiale territoriale tra il Movimento 5 Stelle ed il Partito democratico che appoggiano insieme la candidatura di Vincenzo Bianconi. Se l'intesa dovesse portare ad una vittoria insperata (ed i sondaggi dicono che la partita è aperta), allora potrebbe essere riproposta anche altrove. E proprio la Campania è nel mirino, così come De Luca. Perché è facile prevedere che il governatore uscente non si farà da parte in caso di intesa, così come hanno, di fatto, già chiesto alcuni esponenti nazionali del Movimento 5 Stelle per aprire un dialogo. L'ex sindaco di Salerno vuole giocarsi la propria partita da governatore uscente e lo farà, con o senza il Pd. Il progetto sembra essere alquanto chiaro: se il Pd dovesse cercare l'intesa coi 5 Stelle in Campania, De Luca si candiderà lo stesso supportato dalle liste civiche. E, forse, rivedrà la propria posizione anche sul nuovo progetto di Matteo Renzi.

Ad Italia Viva, intanto, sta guardando con interesse il consigliere regionale Giovanni Zannini, che ancora non ha deciso con chi candidarsi il prossimo anno, mentre il collega di Casapulla Luigi Bosco potrebbe anche optare per un rientro nel Partito democratico vista la sua amicizia storica con l'attuale ministro alla Sanità Roberto Speranza; ma tra i democrat troverebbe due avversari di rilievo come Stefano Graziano e Gennaro Oliviero da sfidare. In realtà lo stesso Bosco potrebbe optare anche per il movimento di Matteo Renzi, col quale il dialogo pare essere stato già avviato.

Sulle liste civiche si sta muovendo anche l'ex senatore di Santa Maria a Vico Vincenzo D'Anna, che sta lavorando ad un progetto regionale insieme con Emilio Montemarano, Antonio Milo e Ciro Falanga che potrebbe essere aperto anche ad altri ex democristiani. Un'operazione simile a quella di quattro anni fa che portò all'elezione di Alfonso Piscitelli nella lista 'Campania in Rete'. Quest'ultimo è dato sempre in avvicinamento alla Lega, data la sua vicinanza all'europarlamentare Valentino Grant, ma ad oggi non c'è stata ancora un'adesione ufficiale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali 2020. De Luca 'tifa' Lega in Umbria per evitare la 'exit strategy'

CasertaNews è in caricamento