Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica

Elezioni. Il centrosinistra ed i nodi da sciogliere: “No agli indagati”

Da Piedimonte ai comuni più piccoli si cerca convergenza sulle candidature

Il tempo passa ma il centrosinistra non ha ancora sciolto tutti i nodi per le elezioni amministrative di ottobre. Di questo si è parlato anche nell’ultimo interpartitico provinciale in cui si è discusso ancora della possibilità di allargare il tavolo al Movimento 5 Stelle dopo che su Caserta è arrivata la scelta di non presentare il simbolo. Da Piedimonte Matese a Carinola, passando per San Marcellino e Capodrise, ci sono ancora diverse candidature da definire.

“L’interpartitico provinciale del centrosinistra, nel prendere atto, positivamente, che in provincia di Caserta è da tempo in corso, in molti Comuni, un proficuo confronto tra le forze dell’area progressista, invita tutti a proseguire con determinazione, dovunque, superando le inevitabili difficoltà di un processo federativo” si legge nella nota diffusa dopo la riunione.

Il centrosinistra “auspica che possano essere elaborate, per le elezioni del 3 e 4 ottobre 2021, proposte politiche trasparenti, aperte alle migliori energie ed esperienze civiche, ma che trovino una guida ed una elaborazione politica chiara onde evitare il ripetersi di crisi già vissute in vari comuni della provincia poiché figlie di esperienze senza alcun progetto politico, con esponenti senza un impianto valoriale comune e soprattutto spesso disinteressati alle sorti delle città”.

I partecipanti al tavolo “nel pieno rispetto delle scelte locali, auspicano, anche laddove ciò non sia già accaduto con successo, che possano essere individuate dappertutto candidature sindacali esperte ed autorevoli, espressioni della storia politica democratica e progressista, comunque rappresentative delle comunità con coerenza di principi e autorevolezza dei candidati”. Con un messaggio chiaro, però: “È indispensabile, nello stesso tempo, che senza perdere i principi del garantismo che la Carta Costituzionale riserva a tutti e ad ognuno, si eviti il coinvolgimento, in ogni forma ed in ogni ruolo, di soggetti attenzionati già dall’autorità giudiziaria, che rischierebbero di trascinare ancora una volta le città in perniciosi momenti di incertezza amministrativa. Abbiamo bisogno che le nostre città vivano periodi di continuità amministrativa necessari per il rilancio delle stesse”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni. Il centrosinistra ed i nodi da sciogliere: “No agli indagati”

CasertaNews è in caricamento