Comunali 2020. Abbate lavora alla quinta lista, Tartaglione è a 2. Ore cruciali per centrodestra e Velardi

Fecondo ed Italia Viva continuano a restare distanti dal Pd. I tanti aspiranti sindaci di Forza Italia rallentano la coalizione e l’ex sindaco continua a lavorare sotto traccia

Dario Abbate ed Alessandro Tartaglione ad oggi sono gli unici candidati sindaci in campo

Mancano poco più di due settimane alla presentazione delle liste, ma a Marcianise non è ancora completamente delineato il quadro dei candidati sindaci. Ad oggi gli unici che sembrano aver avviato il percorso, pare in maniera definitiva, sono Dario Abbate del Partito democratico ed Alessandro Tartaglione, coordinatore provinciale di Articolo Uno. L’avvocato sarà appoggiato da quattro liste (Partito democratico, Marcianise democratica, Sinistra e Cambiamento e Marcianise libera) ma in queste ore pare stia cercando di organizzare anche un quinto gruppo di candidati a suo sostegno. Per ora resta distante l’altro partito di centrosinistra, Italia Viva: il gruppo che fa capo a Filippo Fecondo (candidato alle elezioni regionali) sembra essere sempre più propendo ad appoggiare una candidatura a sindaco di Telia Frattolillo (anche lei del Pd) e per ora non sembrano esserci margini di manovra. Ma si sa, in tempo di elezioni, anche l’ultimo giorno più essere quello utile per chiudere una intesa. 

Alessandro Tartaglione con 2 liste

Tartaglione, invece, ha iniziato da tempo il suo percorso verso la candidatura a sindaco e si appresta a presentarsi con due liste civiche: Terra di Idee, il movimento che già ha presentato alle amministrative del 2016, ed un altro gruppo nel quale dovrebbero confluire molti attivisti del Movimento 5 Stelle, considerando che non ci sarà una lista di partito questa volta. Tra i candidati sono annunciati imprenditori, professionisti ed attivisti del mondo delle associazioni.

I nodi (ed i ritardi) del centrodestra

In casa centrodestra, invece, tutti i momenti sembrano essere buoni per ufficializzare il candidato sindaco, ma ad oggi ancora non è arrivata alcuna indicazione ufficiale. Le difficoltà maggiori si stanno incontrando in Forza Italia, dove le tante aspirazioni (e candidature) stanno creando non pochi problemi di gestione. Dall’ex sindaco Antonio Tartaglione a Domenico Moriello, passando per Francesco Mennella e Pasquale Tartaglione, sono solo una parte dei papabili candidati sindaci. E, da quanto emerge, nessuno sembra voler fare un passo indietro. Ma i nomi non mancano anche nel resto della coalizione (Mattia Alberico e Filomena Letizia sono quelli circolati nelle ultime ore che si sono aggiunti a quelli già circolati nelle scorse settimane, come Mariano Omarto, Luciano Buonanno, Gerardo Trombetta e Pietro De Martino). Si attende un’evoluzione in tempi stretti anche perché il passare dei giorni sicuramente non aiuta poi nel riuscire a costruire liste competitive.

L’ex sindaco lavora ‘sotto traccia’

C’è poi da aspettare le mosse dell’ex sindaco Antonello Velardi. Il quale non ha ancora annunciato una sua candidatura a sindaco, ma che sotto traccia sta lavorando alla composizione delle possibili liste in caso di una sua nuova discesa in campo. A Velardi potrebbe allearsi anche Centro Democratico di Pino Riccio, che non sembra voler andare con Dario Abbate sindaco. La presenza o meno di Velardi potrebbe naturalmente cambiare gli equilibri della partita elettorale che, comunque, sembra difficile possa chiudersi al primo turno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento