Sabato, 16 Ottobre 2021
Politica

L’assalto alla Cgil accende anche la campagna elettorale di Caserta

Marino: “Dobbiamo fermare la destra razzista di Lega e Fratelli d’Italia”. Zinzi: “Lui ha un candidato di Forza Nuova nelle liste”

L’assalto alla sede della Cgil di Roma durante la manifestazione contro il ‘Green Pass’ entra anche nella polemica politica per il ballottaggio a Caserta.

Lo tira in ballo il sindaco uscente Carlo Marino, commentando la decide del gruppo ‘Caserta Decide’ che ha appoggiato al primo turno Raffaele Giovine che, scegliendo di lasciare libertà di voto ai propri elettori per il ballottaggio (restando all’opposizione in consiglio comunale), ha affermato di essere parte del cambio progressista contro l’avanzata delle destre.

Tutte le preferenze dei candidati nelle liste a Caserta

“Parole - ha dichiarato il sindaco Marino - che confermano l'appartenenza di Caserta Decide al largo campo progressista e la ferma volontà di arginare la becera destra razzista e xenofoba incarnata dalla Lega Nord e da Fratelli d’Italia. Nel giorno in cui Caserta Decide condivide questa nostra fondamentale posizione, è anche il giorno in cui, a Roma, proprio quella destra estrema scende in piazza e prende d'assalto la sede della Cgil, reagisce con violenza all'operato delle forze dell'ordine e blocca le strade mettendo a rischio la sicurezza e la vita dei cittadini. Tutto questo, la politica, non può accettarlo. Su questo dobbiamo prendere posizione senza se e senza ma, per salvare la nostra città e tutto il resto del paese da una inaccettabile deriva illiberale”.

La risposta del rivale, Gianpiero Zinzi, non si è fatta attendere. “Esprimo solidarietà alla Cgil per quanto accaduto" ha affermato. "L’aggressione fascista che hanno subito è vergognosa. Non dovrebbe diventare un tema della campagna elettorale di Caserta, ma lo diventa nel momento in cui un candidato sindaco, non avendo argomenti, lo utilizza per fare una patetica propaganda nazionale. Mi pare che qualcuno di Forza Nuova sia nella coalizione di Marino. Tra gli eletti della sua coalizione c’è chi, in passato, ha manifestato grande affinità e simpatica con Forza Nuova. Prima di lanciare accuse dovrebbe spiegare perché ha un esponente di Forza Nuova tra i suoi consiglieri”.

Intanto sabato sera gli iscritti della Cgil si sono ritrovati nella sede di via Verdi, dove le luci sono rimaste accese per tutta la notte in segno di solidarietà coi vertici nazionali. Inoltre dalle 10 di la Camera del Lavoro di Caserta  sarà aperta e in assemblea in contemporanea con la sede nazionale e le Camere del lavoro di tutta Italia: “La nostra risposta democratica allo squadrismo fascista”. Per il 16 ottobre è stata invece organizzata una manifestazione nazionale antifascista per il lavoro e la democrazia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’assalto alla Cgil accende anche la campagna elettorale di Caserta

CasertaNews è in caricamento