Politica Aversa

Urne aperte per eleggere 3 sindaci: 78268 cittadini al voto

Si scelgono i primi cittadini di Aversa, Casal di Principe e Castel Volturno

Sono circa cento i Comuni in tutta Italia chiamati alle urne per il ballottaggio in programma il 23 e il 24 di giugno. In provincia di Caserta si scelgono i sindaci ad Aversa, Casal di Principe e Castel Voltrno. Il secondo turno si svolge dalle 7 alle 23 di domenica 23 giugno e dalle 7 alle 15 di lunedì 24 giugno, solo nei Comuni con più di 15mila abitanti in cui nessun candidato ha ottenuto più del 50% dei voti al primo turno dell’8 e 9 giugno. Una volta chiusi i seggi inizierà lo spoglio e arriveranno le prime proiezioni.

Alle urne si presenteranno 78268 cittadini: un voto importante per eleggere i sindaci dei tre Comuni casertano più grandi chiamati al rinnovo del consiglio comunale. Questa volta il voto servirà a stabilire chi diverrà sindaco tra i due candidati che al primo turno, dell'8 e 9 giugno, hanno ottenuto più voti. Ad andare al ballottaggio sono infatti i due candidati, per ogni comune, che hanno ricevuto più preferenze senza però riuscire a raggiungere la fatidica soglia del 50% +1. Al ballottaggio, però, basterà prendere semplicemente più voti del proprio avversario, senza la necessità di raggiungere una specifica soglia percentuale. È importante sottolineare che, a differenza del primo turno, per il secondo non è previsto il voto disgiunto. Saranno quindi considerate nulle le schede che presenteranno dei segni sulle liste non collegate al candidato prescelto.

I nuovi consigli comunali

Riguardo la ripartizione dei seggi, quando un candidato viene eletto al secondo turno, le liste che lo sostengono ricevono almeno il 60% dei seggi. Ciò non esclude che la lista ne abbia ottenuti comunque di più attraverso il voto. Inoltre, in questo caso, alla ripartizione potranno partecipare anche le liste che si sono recentemente "apparentate" al candidato. All'interno delle liste vincitrici i seggi vengono poi ripartiti sulla base dei voti ottenuti al primo turno. Dopo aver stabilito quanti seggi spettano alle liste collegate al sindaco eletto, si procede ad assegnare proporzionalmente i seggi rimasti per le altre liste. Per ottenere i seggi rimasti, le liste sconfitte dovranno aver raggiunto al primo turno la soglia di sbarramento del 3%, sia da sole sia facendo parte di un gruppo di liste.

Il voto a Castel Volturno, Casal di Principe e Aversa

Ad Aversa la sfida per la fascia tricolore è tra Franco Matacena e Antonio Farinaro. Le liste di Franco Matacena hanno superato la soglia del 50% incassando la maggioranza già al primo turno. Sicuri di entrare in consiglio comunale Giovanni Innocenti, Olga Diana, Pietro Giglio, Domenica Pisano, Francesco Sagliocco, Federica Turco, Ivan Giglio, Massimo Palazzo, Raffaele Oliva, Adele Ferrara, Luigi Dello Vicario e Raffaele De Gaetano. Nella coalizione di Antonio Farinaro già sicuri della elezioni Nicla Virgilio, Gilberto Privitera, Dino Carratù e Imma Lama. Siederanno invece in opposizione Mauro Baldascino, Marco Girone, Mario De Michele e Antonio Mottola.

A Casal di Principe i cittadini dovranno scegliere uno tra Elisabetta Corvino e Ottavio Corvino per dare il via alla nuova era politica dopo i 10 anni di amministrazione di Renato Natale. Non ci sono stati apparentamenti ufficiali ma Lia Caterino (uno dei 5 candidati al primo turno) negli ultimi giorni ha deciso di sostenere Ottavio. Elisabetta Corvino invece ha fatto una campagna elettorale di 'caseggiato' senza stringere accordi con gli altri due candidati sindaco, Marisa Diana e Antonio Natale.

Castel Volturno invece ha 'bocciato' il sindaco uscente Luigi Umberto Petrella e ora è chiamato a scegliere tra Pasquale Marrandino e Anastasia Petrella. Anche qui una campagna elettorale senza esclusione di colpi con un solo apparentamento ufficiale, quello tra Petrella e Cesare Diana, un 'patto' a costo zero visto che Diana non entrerà comunque in consiglio comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urne aperte per eleggere 3 sindaci: 78268 cittadini al voto
CasertaNews è in caricamento