Tre consiglieri comunali lasciano la maggioranza

I 'dissidenti' costituiscono un gruppo consiliare in opposizione al governo cittadino

Marcello Cantile e Gianfrancesco Quarto

Tre consiglieri comunali, eletti con la maggioranza, passano ufficialmente all'opposizione. E costituiscono un gruppo consiliare che dal prossimo consiglio comunale siederà tra i banchi della minoranza. Anna Conte, Marcello Cantile e Gianfrancesco Quarto lasciano definitivamente il gruppo guidato dal sindaco di Villa di Briano Luigi Della Corte. Già da 16 mesi erano 'dissidenti' all'interno della maggioranza (votarono anche contro il bilancio) e ora hanno deciso di sostenere che "la vera opposizione siamo noi". 

Il tutto parte il 28 agosto 2018 quando i consiglieri comunali Conte, Cantile e Quarto eletti con la compagine di maggioranza la “voce dei Brianesi” decidono in consiglio comunale di votare contro l’approvazione del bilancio stilato dalla maggioranza: "Una scelta difficile ma necessaria per contrastare un documento a nostro avviso indecente e lontano dalla realtà. La nostra decisione ampiamente motivata in una relazione presentata in consiglio comunale, spiegata ed illustrata in un incontro pubblico tenutosi successivamente, metteva in evidenza la debolezza di tale documento ma soprattutto l’inefficienza ed i soprusi perpetrati dalla società di riscossione “Sogert”, avallata da una spudorata ed evidente complicità dell’attuale maggioranza di governo cittadino".

Più volte in qualità di consiglieri "abbiamo manifestato sia in modo verbale che documentato la necessità di controllare l’operato della Sogert e più volte i nostri amministratori insieme agli organi di controllo nelle figure del segretario comunale, il revisore dei conti ed in concomitanza con il primo cittadino, hanno fatto orecchie da mercanti lasciando ancora oggi disattese le nostre richieste. Nonostante ciò abbiamo sempre sperato che i nostri amministratori facessero ammenda e raddrizzassero il tiro ponendo rimedio a tale scempio. Ma come tutti sapete ad oggi nulla è cambiato anzi la maggioranza ha ritenuto opportuno premiare l’efficienza della Sogert affidandogli ulteriori incarichi (riscossione pubblicità ed idrico) e dando la possibilità a questi signori di poter mettere le mani sui conti correnti dei cittadini in modo prepotente ed illegittimo e molto spesso non avendone una giusta ragione".

Altra lotta di cui si sono fatti promotori i tre (ormai) consiglieri di opposizione "è stata quella contro l’alloggiamento senza scrupoli e senza regole di circa 90 immigrati da ospitare in un'unica struttura ubicata sul nostro territorio, creando il presupposto per la creazione di un piccolo ghetto all’interno della nostra comunità. Grazie alla nostra insistenza nei confronti del prefetto ed avendo dimostrato che tale struttura non avesse i requisiti per poter assolvere a tale scopo, oggi possiamo respirare un sospiro di sollievo e orgogliosamente dire di aver scampato tale pericolo. Per dovere di cronaca è giusto ricordare a tutti i cittadini che il nostro sindaco nei momenti più critici e salienti per la risoluzione di tale problema si è dovuto assentare per giusta causa delle vacanze al mare".

In questo periodo nonostante i dissidi “politici” il nostro gruppo politico "ha sempre cercato di collaborare per il prosieguo dell’attività amministrativa, ciò è dimostrato dal fatto che un nostro componente nella persona del consigliere Quarto facente parte della commissione “statuto e regolamenti” ha ampliamente collaborato con la maggioranza affinché si potesse dare vita ad uno statuto più attuale e moderno a cui oggi dopo più 20 anni facciamo riferimento per poter svolgere la nostra attività amministrativa".

E quindi il gruppo parla delle altre attività come quella della situazione rifiuti tramite interrogazioni consiliari e denunce agli enti preposti e "abbiamo fatto convocare un consiglio straordinario riguardante l’emergenza rifiuti che come tutti sapete ci è stato concesso circa due mesi dopo la nostra richiesta, dimostrando ancora una volta che la maggioranza più il medico condotto, assessore alla pubblica sanità, non hanno alcun rispetto per le regole e per i cittadini da noi rappresentati. Dopo questo breve excursus della nostra attività amministrativa il 27/12/2019, in sede di consiglio comunale, dopo aver chiesto ufficialmente per la terza volta di istituire una commissione di controllo nei confronti della Sogert e puntualmente la maggioranza ha disatteso le nostre richieste, ci è sembrato doveroso ufficializzare la nostra autonomia come gruppo consiliare. Da tale data ci riteniamo ufficialmente oppositori alla maggioranza, sia per i motivi sopra descritti sia per gli eventi accaduti in questo periodo dove per la prima volta nella storia politica di Villa di Briano un capogruppo di opposizione diventa assessore e che una parte dell’opposizione sia in consiglio sia negli altri luoghi della politica appare un prolungamento distorto dell’attuale maggioranza. Siamo giunti alla conclusione che questa maggioranza non è degna di rappresentare i cittadini del nostro comune e possiamo affermare con forza che la vera opposizione a questo scempio siamo noi. Alla presente lettera seguirà il prima possibile un incontro pubblico con i cittadini per spiegare in modo più esaustivo ed approfondito il perché delle nostre scelte".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Pandora falsi venduti nel Tarì, scoperto il deposito: sequestrati 2860 gioielli

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Riesce a non pagare 10mila euro di pedaggio autostradale con un trucco

  • Violento incendio in 3 depositi: fiamme altissime, la nube invade le case | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento