rotate-mobile
Politica Aversa

Di Meo e la sfida a Golia per le elezioni: "Può essere che mi viene la voglia..."

Il presidente della squadra di volley: “Lui pensa alle fontane danzanti come a Dubai, ma la città è allo sbando”

“Stamattina mi sono svegliato a Dubai con le fontane danzanti. Il primo cittadino, invece, dovrebbe pensare al bene della città che è allo sbando più completo”. Non lesina giri di parole Sergio Di Meo, presidente della Normanna Aversa Academy, per attaccare frontalmente il sindaco di Aversa Alfonso Golia. I problemi, ormai arcinoti, del Palazzetto dello Sport, non sono ancora stati risolti e, dal novembre del 2020, tutti gli appelli della società sembrano essere caduti nel vuoto.

“A me non va più di parlare del primo cittadino di Aversa, non mi va neanche di chiamarlo per nome e cognome” ha attacco Di Meo durante la conferenza stampa per la presentazione del nuovo main sponsor. “Ricordo a me stesso che quando feci l’assessore allo Sport in Provincia con Riccardo Ventre presidente, in 40 giorni salvammo il Palamaggiò. Oggi, invece, mi sento preso in giro tanto, ma tanto. Dal 12 novembre dell’anno scorso stiamo ancora parlando del riscaldamento ad Aversa. Per questo motivo non dirò più nulla. Non possiamo avere più toni convenevoli, con questa gente non si può nemmeno più andare a parlare”.

E qui la sfida: “Io però una promessa la faccio - aggiunge Di Meo - Io aspetto il primo cittadino alla fine del mandato. Può essere anche che mi venga voglia di fare qualche cosa per la città di Aversa”. Appuntamento, dunque, fissato al 2024. O anche prima: con la politica mai dire mai.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Meo e la sfida a Golia per le elezioni: "Può essere che mi viene la voglia..."

CasertaNews è in caricamento