Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica Aversa

Il sindaco si salva sul bilancio coi voti dell'opposizione

I Moderati votano a favore. Tensioni anche nei 5 Stelle

Se saranno rose fioriranno. Intanto il sindaco di Aversa “salva” la sua poltrona ed anche il futuro prossimo dell’amministrazione comunale grazie ai voti dei consiglieri di opposizione. Ventiquattro giorni dopo la bocciatura in aula, Alfonso Golia incassa il via libera sulla salvaguardia degli equilibri di bilancio grazie ai voti di Olga Diana, Giovanni Innocenti, Francesco Sagliocco e Roberto Romano che hanno “cambiato idea” sulla delibera bocciata poco più di tre settimane fa e che oggi, invece, hanno votato. Golia può tornare a respirare e mangiare il panettone, anche se il futuro resta ancora un grande punto interrogativo. Di fatto c’è stato un cambio di maggioranza del quale si dovrà prendere atto (se non ora, tra qualche settimana…).

Le tensioni acuite nella maggioranza

Come prevedibile non sono mancate tensioni durante il consiglio comunale. E’ stato Paolo Santulli, capogruppo del Pd, a far capire nel corso del suo intervento che le tensioni in maggioranza erano tutt’altro che sopite. Un intervento che ha continuato sottolineare tutti i dubbi relativi al bilancio, sostenuto, poi, da quelli degli altri ‘dissidenti’: Eugenia D’Angelo, Luisa Diana Motti, Francesco Forleo ed Imma Dello Iacono. Parole che hanno segnato un solco difficile da riempire (ma, forse, del resto, questa volontà non c’è mai stata).

L’apertura dei Moderati e le tensioni nei 5 Stelle

Il futuro dell’amministrazione comunale era legato alla posizione assunta dai tre consiglieri comunali dei ‘Moderati’ che fanno riferimento al consigliere regionali Giovanni Zannini. E da Olga Diana, Giovanni Innocenti e Francesco Sagliocco è arrivata quella “disponibilità” a votare la salvaguardia di bilancio fondamentale per avere i numeri per far continuare l’amministrazione comunale. Dall’opposizione si è levata forte la voce di Alfonso Oliva e quella di Giuseppe Stabile, che ha accusato Golia di mettere in atto un ribaltone: “Tu non cerchi un appoggio sui programmi, tu vuoi un’altra maggioranza”. Non sono mancate tensioni anche nel Movimento 5 Stelle, dove c’è stato un botta e risposta via social tra il deputato Nicola Grimaldi ed il consigliere Roberto Romano relativamente alla posizione da assumere in consiglio comunale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco si salva sul bilancio coi voti dell'opposizione

CasertaNews è in caricamento