menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paolo Santulli, Eugenia D'Angelo, Maurizio Danzi e Francesco Forleo espulsi dal gruppo consiliare Pd

Paolo Santulli, Eugenia D'Angelo, Maurizio Danzi e Francesco Forleo espulsi dal gruppo consiliare Pd

Quattro consiglieri 'espulsi' dal gruppo consiliare Pd. Villano: "E' un tentato omicidio premeditato"

L'ex candidato sindaco sferza il segretario regionale: "Non faccia melina, hanno colpito il Pd"

La ‘guerra democratica’ iniziata nel consiglio comunale di lunedì notte, con 3 consiglieri (Paolo Santulli, Eugenia D’Angelo e Maurizio Danzi) che hanno votato contro il sindaco Pd Alfonso Golia (un altro, Francesco Forleo, non si è proprio presentato in aula), ponendo di fatto fine all’amministrazione comunale di Aversa (oggi è arrivata la diffida del prefetto) continua con l’espulsione dei ‘dissidenti’ dal gruppo consiliare.

Il segretario cittadino del Pd Francesco Gatto ha notificato questa mattina al presidente del consiglio comunale Carmine Palmiero la comunicazione con la quale viene ufficializzato il nuovo gruppo consiliare del Pd, composto dai soli Vincenzo Angelo ed Erika Alma, con quest’ultima indicata quale capogruppo.

Ma l’obiettivo finale è quello di cacciare i consiglieri dissidenti direttamente dal partito e su questo punto è netto la presa di posizione di Marco Villano, già candidato a sindaco del Pd nel 2016 contro Enrico De Cristofaro, che ha tirato in ballo direttamente il segretario regionale Leo Annunziata. “Per quanto mi riguarda, trovo assurdo che il Pd regionale non si sia ancora espresso. Per me sono fuori dal partito, se mai lo sono stati. Il segretario regionale non deve ridicolizzare il Pd, la smetta di fare melina. Esprima la sua posizione: hanno mandato a casa un sindaco del Pd”.

Per Villano, l’azione di Santulli, D’Angelo, Danzi e del stesso Forleo “è un tentato omicidio premeditato ed i killer sono stati colti in flagranza di reato. Ma mandandoci a casa non ci hanno ucciso, ci hanno fortificato”. E sulle accuse giunte in consiglio comunale a Golia, Villano è netto: “Oggi si nascondano dietro il dato tecnico, affermando che nel bilancio vi erano problemi. Ma nel suo intervento in aula, la consigliera D’Angelo aveva chiesto la testa del dirigente e dell’assessore. Quindi se le avesse revocate, quel bilancio diventava magicamente buono?” .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Troppi contagi, il sindaco non si fida: "Le scuole restano chiuse"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    "Cirillo arrestato. Ora mio padre può riposare in pace"

  • Cronaca

    Nove vittime del virus nel casertano, 150 nuovi positivi

  • Cronaca

    La carcassa di un capodoglio sulla spiaggia casertana | FOTO

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Caterina Balivo torna in tv su Rai 1

  • social

    Blue Monday 2021, oggi è il giorno più triste dell'anno

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento