Politica Sparanise

“Candidatura è un pagamento in natura…”. Esplode la bufera sessista sul candidato sindaco

Le parole di Merola su Mirella Spinonsa sollevano un polverone. E lui: “Mi riferivo solo alla candidatura…”

E’ esplosa fragorosamente a Sparanise la polemica sulla frase “sessista” pronunciata dal candidato sindaco Antonio Merola nei confronti di una candidata della lista avversaria.

Martedì sera, parlando dal palco in piazza Giovanni XXIII di Mirella Spinosa, coordinatrice del nido comunale, Merola ha affermato: “Ci venga a spiegare perché si è candidata. Io credo che sia stato più il pagamento in natura di un beneficio ottenuto. Noi aumenteremo le persone disponibili che saranno pagaate regolarmente mese per mese e cercheremo di creare cooperative locali che siano padroni del loro avvenire”.

Parole che sono apparse ‘strane’ anche tra i suoi stessi sostenitori, tanto’è che Merola, dopo qualche minuto, ha prontamente sottolinea: “Volevo chiarire che con la frase pagamento in natura non mi riferivo a nulla di… Mi riferivo semplicemente alla candidatura” ha spiegato.

Ma le parole di chiarimento non sono bastate per fermare l’onda di proteste che si sono sviluppate sui social, a difesa di Mirella Spinosa. “E’ un tentativo di aggressione e di speculazione” si sono difesi dalla lista ‘Sparanise Libera’, pubblicando sui social anche la parte del video in cui Merola chiarisce la vicenda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Candidatura è un pagamento in natura…”. Esplode la bufera sessista sul candidato sindaco

CasertaNews è in caricamento