menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lipardi: 'Sulla web tv una campagna di offese e menzogne'

Napoli - Dichiarazione del cordinatore del dipartimento comunicazione istituzionale del comune di Napoli Vincenzo Lipardi: "La storia della Web Tv del Comune di Napoli, una delle azioni più innovative realizzate in Italia sul piano della...

Dichiarazione del cordinatore del dipartimento comunicazione istituzionale del comune di Napoli Vincenzo Lipardi:
"La storia della Web Tv del Comune di Napoli, una delle azioni più innovative realizzate in Italia sul piano della comunicazione pubblica, è stata dipinta, da una propaganda falsa e bugiarda, come un fatto opaco e non chiaro. Ma un vecchio adagio popolare dice che quando la calunnia viene sussurrata e poi ripetuta, finisce per sembrare verità, ed è quindi giunto il momento di dire basta!
Il fatto che la città di Napoli si sia dotata di uno strumento di comunicazione pubblica gestito da dipendenti comunali ha scatenato la rabbia di molti per aver infranto la regola aurea, "non scritta" ma da molti professata, che la comunicazione debba essere 'privata'. L'amministrazione comunale di Napoli, per selezionare un consulente che per una cifra annua di 20.000 euro lordi, affiancasse lo staff interno nella fase di progettazione della Web TV, aveva emanato un avviso pubblico con determina n° 44 del 1° dicembre 2009. Vista la scarsa qualità delle proposte pervenute, l'amministrazione ai sensi dell'art. 81 comma 3 del decreto legislativo 163 del 2006 (Codice dei Contratti) che recita "le stazioni appaltanti possono decidere di non procedere all'aggiudicazione se nessun offerta risulti conveniente o idonea in relazione all'oggetto del contratto", decise di non affidare l'incarico e svolgere il lavoro all'interno.

Il progetto fu quindi scritto dal personale comunale e sulla base di tale progetto è stata poi realizzata la Web Tv, che ha iniziato le trasmissioni sul portale istituzionale www.comune.napoli.it, il 31 dicembre 2010.
Ebbene dal momento in cui l'Amministrazione ha deciso di non assegnare la consulenza di cui all'Avviso pubblico, è partita una campagna denigratoria nei miei confronti, in buona parte orchestrata dai tre candidati esclusi, che ha del tutto travisato l'oggetto dell'avviso pubblico e descritto un quadro del tutto menzognero. In particolare, una dei tre professionisti che si erano candidati all'incarico, è arrivata ad esprimere giudizi calunniosi e vergognosi sulla mia persona inducendomi a dar mandato ai miei legali per procedere, sia in sede penale che civile, contro i miei detrattori. Da questo momento, vista la sistematica mistificazione della verità, adirò questa strada contro chiunque pensi di intimorirmi e di buttar fango contro l'Amministrazione Comunale e la mia persona".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento