menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20101008073416_villa

20101008073416_villa

Ex detenuti lavoreranno nel bene confiscato a Mario Caterino

Casal di Principe - Venerdì 8 ottobre alle ore 11'00 a Casal di Principe presso l'Università per la Legalità e lo Sviluppo verrà stipulato il protocollo d'intesa tra Agrorinasce e il Ministero della Giustizia – Provveditorato Regionale...

Venerdì 8 ottobre alle ore 11'00 a Casal di Principe presso l'Università per la Legalità e lo Sviluppo verrà stipulato il protocollo d'intesa tra Agrorinasce e il Ministero della Giustizia - Provveditorato Regionale Amministrazione Pentenziaria e il Centro di Giustizia Minorile per favorire il reinserimento di ex detenuti nel mondo lavorativo attraverso l'utilizzo e la valorizzazione del bene confiscato a Mario Caterino, localizzato in Casal di Principe, destinato a 'Centro di avviamento al lavoro artigianale di persone svantaggiate'.
'Il Ministero dell'Interno, Autorità di Gestione del PON Sicurezza - dichiara Immacolata Fedele, Presidente di Agrorinasce - ha finanziato lo scorso mese di marzo una nuova iniziativa di recupero ad uso sociale di un bene confiscato alla camorra. Venerdì con l'intesa raggiunta con il Ministero della Giustizia realizzeremo un passo importante per il successo dell'iniziativa. E' la prima volta in Italia che un bene confiscato alla camorra ed a Casal di Principe entrerà in funzione per favorire il reinserimento di ex detenuti e loro familiari nel mondo del lavoro.'
Il finanziamento di euro 183.000,00 concesso dal Ministero dell'Interno - Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo Sviluppo del Mezzogiorno prevede la realizzazione di laboratori artigianali e professionali, quali un ristorante pizzeria e un laboratorio di ceramica da cucina.
'L'idea principale - dichiara l'AD Giovanni Allucci, - è che il Centro diventi un luogo di formazione e di lavoro per ex detenuti dove possono imparare a diventare pizzaioli, aiuti cuochi, artigiani della ceramica piuttosto che incrementare le fila della camorra. Vuole essere un'opportunità in più che si vuole offrire a tutti quei giovani del nostro territorio che hanno commesso errori con la giustizia e vogliono rifarsi una vita con un mestiere utile in tutto il mondo. E' importante che gli uffici locali del Ministero della Giustizia - Dipartimento Affari Penitenziari - siano affianco a noi per il bene di questi giovani.'

Saranno presenti:
dott.ssa Immacolata Fedele, Presidente di Agrorinasce
Dott. Giovanni Allucci, Amministratore Delegato Agrorinasce

Dott. Tommaso Contestabile, Provveditore Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria della Campania
Dott. Sandro Forlani, Direttore del Centro di Giustizia Minorile della Regione Campania

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Positivi a scuola, due plessi chiusi per la sanificazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento