menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Report Consiglio Comunale del 30 settembre 2010

Nola - Con 23 voti a favore, 3 contrari, ed 1 astenuto, è stato approvato, nella seduta di Consiglio Comunale di ieri, il riequilibrio di Bilancio. Una manovra che ha riportato nuovamente in perfetto pareggio i conti dell'Ente, cancellando lo...

Con 23 voti a favore, 3 contrari, ed 1 astenuto, è stato approvato, nella seduta di Consiglio Comunale di ieri, il riequilibrio di Bilancio. Una manovra che ha riportato nuovamente in perfetto pareggio i conti dell'Ente, cancellando lo "scompenso" causato dal pignoramento presso la tesoreria comunale della somma di 505.000 euro, frutto, per lo più, di sentenze passate in giudicato e provenienti da contenziosi prodotti da passate amministrazioni poco virtuose.
Nella sua relazione, l'Assessore al Bilancio Antonio Russo ha evidenziato la lotta senza quartiere contro l'evasione fiscale portata avanti con grande costanza da parte di questa amministrazione: "Abbiamo iniziato una strategia legata al contrasto dell'evasione, procedendo ad accertamenti per adesione nei confronti di quanti, soprattutto nella zona industriale, non erano in regola con il pagamento della Tarsu. Si tratta di incassi reali, visto che grazie a questa strategia "concordataria " con il contribuente, non abbiamo avuto contenziosi, recuperando così cifre consistenti al bilancio comunale. Possiamo dire - ha concluso lo stesso Russo - che, certamente abbiamo i conti in equilibrio e rispettiamo a pieno i parametri del patto di stabilità".
Con le maggiori entrate, tuttavia, non si è riusciti ad attuare una politica di riduzione della pressione fiscale, visto che le somme recuperate, per buona parte, sono servite a ripianare quei "buchi" prodotti da passate amministrazioni, come quello in oggetto nella seduta di ieri. E quello dei debiti fuori bilancio, visto il gran numero di contenziosi ancora pendenti, è una variabile che si presenta ad ogni esercizio di bilancio.L'Amministrazione Biancardi, invece, così come ha sottolineato lo stesso Russo, ha imposto una linea di condotta finanziaria per la quale va assolutamente evitata ogni situazione patologica del debito che conduca al pignoramento e, dunque, a maggiori aggravi per le casse comunali.

"Bisogna intervenire prima della pronuncia definitiva del giudice, magari con delle transazioni con il creditore che possano contenere il danno finanziario. Voglio anche ribadire che non abbiamo aumentato la Tarsu nonostante l'incremento della parte spettante alla Provincia", ha poi concluso lo stesso Russo, rimarcando che però il problema resta per quanto concerne le situazione pregresse. All' intervento del Consigliere di opposizione Raffaele Giannini, che ha denunciato che anche questa Amministrazione ha prodotto debiti fuori bilancio, ha replicato il sindaco Biancardi: "Si tratta di accuse strumentali. Come si fa ad affermare una cosa così assurda, visto che i debiti in esame provengono da contenziosi durati anni, mentre la nostra Amministrazione è in carica da solo uno. Questa Amministrazione, ribadisco, non ha prodotto alcun debito e continueremo sulla strada della buona e sana gestione economica". Sempre nella seduta di ieri è stato votato all'unanimità il regolamento del Consiglio Tributario Comunale, organismo di supporto all'Ente in materia tributaria, introdotto dall'ultima Finanziaria.
A conclusione dei lavori, poi, è stata resa nota la ridefinizione delle Commissioni Consiliari e delle relative presidenze a seguito delle nuove appartenenze politiche di alcuni Consiglieri Comunali che hanno modificato i rapporti tra gli stessi gruppi consiliari. Il provvedimento è stata votato all'unanimità da parte del Consiglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento