menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza rifiuti, l'amministrazione si muove

Orta di Atella - Ha preso di petto l'assessore all'Ambiente Alfonso Di Giorgio il problema dell'emergenza rifiuti ad Orta di Atella. Dopo un consulto con il sindaco AngeloBrancaccio, l'assessore ha incontrato in una lunga riunione l'Igica, la...

Ha preso di petto l'assessore all'Ambiente Alfonso Di Giorgio il problema dell'emergenza rifiuti ad Orta di Atella. Dopo un consulto con il sindaco AngeloBrancaccio, l'assessore ha incontrato in una lunga riunione l'Igica, la dittadi Caivano che detiene l'appalto dei rifiuti per avviare le procedure per larisoluzione del contratto. Al tavolo erano seduti anche il vicesindaco GiovanniSorvillo, il capogruppo di maggioranza Gianfranco Piccirillo e il responsabiledell'ufficio ambiente Salvatore Di Costanzo. "Purtroppo la ditta ha delleperdite strutturali che non le consentono di portare avanti l'appalto e diespletare un servizio nella maniera corretta - ha spiegato Di Giorgio - è statainfatti costretta a nominare un commissario liquidatore che dovrà portarla allacessazione dell'attività. Non possono essere, comunque, i cittadini a pagareper questa inadempienza che noi abbiamo ereditato dalla gestione commissariale,l'appalto è stato assegnato appena un anno fa, e per questa ragione abbiamopredisposto un piano per uscire da questa emergenza rifiuti". Di Giorgio haintimato all'Igica di raccogliere in tempi rapidissimi la spazzature dallestrade. "In caso contrario siamo pronti ad assegnare il servizio sino a fineanno - ha detto - con la risoluzione del rapporto con l'Igica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mille “furgoni lumaca” in autostrada contro le chiusure

  • Cronaca

    Boom di guariti nel casertano, contagi in calo

  • Cronaca

    La Procura sequestra il varco d'ingresso al Lidl

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento