menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mattucci e Rinaldi (PDL) : Con coerenza allopposizione, nel PDL, per il bene della citt

Santa Maria Capua Vetere - "L'improvvida scelta del PDL cittadino di sostenere il sindaco Giudicianni rappresenta un tradimentoinaccettabile della volontà popolare, da cui prendiamo totalmente le distanze, in nome di un valoreirrinunciabile, la...

"L'improvvida scelta del PDL cittadino di sostenere il sindaco Giudicianni rappresenta un tradimentoinaccettabile della volontà popolare, da cui prendiamo totalmente le distanze, in nome di un valoreirrinunciabile, la coerenza, che dovrebbe sempre ispirare l'agire politico di chi esercita una funzione dirappresentanza.
La storia del centrodestra richiama alle appassionate campagne di mobilitazione per il rispetto dellasovranità popolare; tutti ricordiamo, perché le abbiamo condivise e sostenute, le pubbliche manifestazionicontro il primo ribaltone regionale che mandò a casa il presidente Rastrelli e la sua giunta, o le criticheferoci agli episodi di transumanza politica che consentirono a Prodi di governare l'Italia.
Ed anche venendo al contesto cittadino, abbiamo sempre giustamente condannato il ribaltonedell'avvocato Stellato che, da candidato sindaco opposto ad Enzo Iodice, ne divenne il vice, o ancora quellodella professoressa Chirico, divenuta alleata di Giudicianni, dopo essere stata sconfitta da quest'ultimo alballottaggio.
Oggi siamo costretti a prendere atto che il principio della sovranità popolare rappresentava per alcuni unamera enunciazione propagandistica; per altri, come noi, l'essenza più nobile della politica, di cui intendiamorimanere fedeli interpreti.

Quella che si sta profilando è solo una manovra di potere, un'operazione di mera gestione, che nulla ha dipolitico: soccorrere un'Amministrazione impopolare e fallimentare, nata e pasciuta con i voti ed i volti delcentrosinistra, significa intestarsi l'eredità di un fallimento amministrativo di cui gli elettori chiederannoconto; e lo chiederanno, paradossalmente, non a chi ha gestito, fino ad ora, la macchina comunale,ma a chi si presenterà al cospetto della cittadinanza fra due anni, cioè al PDL, che dovrà assumersi leresponsabilità di una mala gestione di cui non è stato sinora responsabile.
Tale operazione, quindi, diviene ulteriormente incomprensibile, anche perché rischia di rigenerare uncentrosinistra che, al momento, non avrebbe alcuna possibilità di riconfermarsi alla guida della città.Per tutti questi motivi, noi scegliamo la coerenza ed il rispetto della volontà popolare; prediligiamola politica dei valori a quella della gestione; rinunciamo ad assessorati e poltrone, per rivendicarecon orgoglio, dall'opposizione e nel PDL, il nostro unico interesse: Santa Maria Capua Vetere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento