menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Cosentino, Amendola (Pd): 'Fulvio Martusciello vive su Marte'

Napoli - "Fulvio Martusciello vive su Marte e non si e' accorto che sulla vicenda Cosentino, suo coordinatore regionale del Pdl, e' a rischio la coalizione di governo in Parlamento e che mercoledi' prossimo si votera' la sfiducia al...

"Fulvio Martusciello vive su Marte e non si e' accorto che sulla vicenda Cosentino, suo coordinatore regionale del Pdl, e' a rischio la coalizione di governo in Parlamento e che mercoledi' prossimo si votera' la sfiducia al sottosegretario" cosi' Enzo Amendola, segretario regionale Pd Campania, risponde all'esponente del Pdl.
"Questo terremoto politico avviene proprio per le vicende legate al coordinatore regionale del Pdl, al presidente della Regione Stefano Caldoro, e all'assessore Ernesto Sica che si e' dimesso pochi giorni fa. E' un dovere istituzionale di chi dirige questa Regione - aggiunge Amendola - ed e' chiamato a risolvere i problemi del lavoro, dell' occupazione e dell'impresa, fare luce su questa inchiesta giudiziaria che coinvolge gli esponenti apicali della forza politica che lo stesso Martusciello rappresenta in consiglio regionale".

"Ne sono a testimonianza per Martusciello le dichiarazioni del Ministro Mara Carfagna, di Italo Bocchino, di Michele Vietti vice presidente del gruppo Udc alla Camera, e di tantissimi esponenti del suo partito" spiega Amendola.
"Ci fa inoltre piacere che Martusciello abbia tanto a cuore le sorti del mondo dell'economia campana dato che da cento giorni - al di la' di un terremoto politico giudiziario di questa portata e dell'aumento delle tasse - la giunta campana non ha proposta una ben che minima idea d'intervento o una delibera che dia man forte a chi e' colpito da questa crisi economica" conclude Amendola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento