menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strisce blu, Ciaramella: Prenderemo in considerazione le esigenze di tutti i cittadini

Aversa - "Se fossi stato in Città, anche io, nella giornata di ieri, per solidarietà avrei firmato la petizione promossa da alcuni consiglieri comunali". Così esordisce il Sindaco Domenico Ciaramella che, anche lontano dal capoluogo normanno, non...

"Se fossi stato in Città, anche io, nella giornata di ieri, per solidarietà avrei firmato la petizione promossa da alcuni consiglieri comunali". Così esordisce il Sindaco Domenico Ciaramella che, anche lontano dal capoluogo normanno, non smette di seguire le vicende cittadine, e continua: "Per deformazione professionale, però, ragiono in percentuali. Non posso, quindi, non notare che duemila cittadini, ovvero il 3,50% circa dell'intera popolazione aversana ha sottoscritto la petizione. Considerando che ben cinque consiglieri comunali con l'impiego di numerosi 'galoppini' si sono mobilitati ed hanno raccolto le firme in piazza, nella giornata di ieri, e negli studi professionali e non solo, nel corso di tutta la scorsa settimana, posso ritenermi soddisfatto, nel senso positivo del termine, del risultato raggiunto. Con dati alla mano ho capito che circa il 3,50% degli aversani non vogliono le strisce blu, o meglio, non accettano questo progetto di sosta a pagamento. Da quando però, è stato attuato il nuovo piano parcheggi la situazione, dal punto di vista della viabilità, in città, è nettamente migliorata. Lo dicevo qualche mese fa quando istituimmo gli stalli di sosta a pagamento e lo ribadisco ora: in nessun modo bisogna interpretare la creazione di nuovi stalli di sosta come un modo per 'tassare' i cittadini, bensì come un mezzo per evitare soste selvagge e migliorare la viabilità e vivibilità delle zone in cui sono sorte". E sulle strisce blu: "Sono nate - spiega il primo cittadino - per evitare soste selvagge e contribuire alla regolamentazione di aree sulle quali da tempo gli stessi residenti chiedevano all'Amministrazione di intervenire per disciplinarne la viabilità e la vivibilità, ma soprattutto affinché tutti i cittadini lascino a casa l'auto ed imparino ad utilizzare mezzi di trasporto alternativi". E conclude Ciaramella: "Anche se solo 100 persone avessero firmato la petizione dei cinque consiglieri comunali, avrei preso in considerazione le loro proposte. Mi impegno, quindi, a fare il possibile per soddisfare le esigenze dei cittadini che hanno espresso la propria opinione, conscio che il provvedimento che abbiamo attuato è impopolare seppur vitale per il recupero della viabilità e vivibilità della nostra Città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento