menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Patto Formativo Locale TeRRA, sottoscritto un protocollo dintesa

Benevento - L'assessore alla Formazione e lavoro del Comune di Benevento, Renato Lisi, rende noto che è stato sottoscritto il protocollo d'intesa per Patto Formativo Locale Te.R.R.A. (Territorio, Ruralità, Ricettività, Ambiente), promosso da...

L'assessore alla Formazione e lavoro del Comune di Benevento, Renato Lisi, rende noto che è stato sottoscritto il protocollo d'intesa per Patto Formativo Locale Te.R.R.A. (Territorio, Ruralità, Ricettività, Ambiente), promosso da Comune di Benevento (ente capofila), Università del Sannio - dipartimento Dases, Consorzio Asi e Prusst "Calidone".
Gli enti e le associazioni datoriali che hanno sottoscritto il protocollo sono: Comune di Benevento (in qualità dei ente capofila), Camera di Commercio, industria, Artigianato e Agricoltura di Benevento, Ente Provinciale per il Turismo Benevento, Cgil, Ugl, Uil, Ust Cisl, Confesercenti provinciale del Sannio, C.N.A. Benevento, Confederazione Italiana Agricoltori di Benevento, Coldiretti Benevento, Associazione API di Benevento, Confcooperative Benevento, Cidec, Ipssct & Alberghieri "Aldo Moro" di Montesarchio, Liceo Artistico Statale di Benevento, Istituto Superiore " Le Streghe-M.Polo", Cooperativa Sociale Il Mosaico, Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani Benevento (ACLI), "Disabili Insuperabili" Onlus, Gal Taburno, Gal Titerno, Gruppo Archeologico del Sannio Onlus, Ente Parco Regionale del Taburno-Camposauro, Parrocchia di San Modesto, Cooperativa Sociale "La Solidarietà" , Istituto "Ipa Palmieri", Istituto "Galilei-Vetrone" di Benevento.
E sempre in relazione al Patto Formativo Locale Te.R.R.A. l'assessore Lisi informa che è stato bandito l'avviso pubblico di manifestazione d'interesse rivolto agli enti ed alle aziende interessate alla presentazione di progetti formativi. L'avviso è consultabile sul sito del Comune nella sezione albo e bandi e presso l'Albo pretorio (Palazzo Mosti).
Com'è noto, il Patto Formativo Locale Te.R.R.A. si basa sull'idea di integrare produzione agroalimentare, servizi ricettivi e assetto del territorio (comuni rientranti nel Prusst "Calidone", nei Gal Titerno e Taburno e nel Parco del Taburno) al fine di innovare l'offerta economica globale dell'area, aumentando le sue capacità di produrre e distribuire Pil, secondo un modello di sviluppo qualificato e sostenibile.
Conseguentemente, i progetti formativi possono essere volti a:
riqualificare/rafforzare le competenze del personale attraverso interventi di formazione continua; formare profili professionali occupabili attraverso interventi formativi per l'inserimento e il reinserimento nel mercato del lavoro; raggiungere obiettivi generali di accrescimento del capitale umano e di riduzione delle cause di svantaggio sociale.
"L'assessorato alla formazione e lavoro del Comune di Benevento si sta impegnando con forza nella promozione del Patto Formativo Locale Te.R.R.A. (Territorio, Ruralità, Ricettività, Ambiente) - spiega Lisi -. Si tratta di un'opportunità importante per il rilancio della provincia di Benevento. Senza la programmazione economica e la sinergia tra istituzioni pubbliche, parti sociali, imprese, questa area rischia di diventare sempre più periferia economica, sociale e culturale.
Serve quindi una spinta progettuale alta, fatta di idee e prassi, di amore e condivisione degli aspetti positivi della nostra terra, riconoscendone allo stesso tempo minacce e limiti. Questi ultimi costituiscono vincoli allo sviluppo qualificato del Sannio; per questo vanno superati e trasformati in nuove risorse.
L'idea è puntare allo sviluppo di una logica distrettuale, in cui agroalimentare, artigianato, attività di servizi alla persona possano integrarsi, in vista di un'offerta agro-turistica di qualità.
Si tratta di formare le giovani risorse più qualificate e metterle al servizio di un distretto "rurale del benessere", valorizzando allo stesso tempo mestieri e competenze consolidate in questa provincia.
Creare nuova occupazione, qualificare quella esistente, individuare nuovi progetti imprenditoriali e veicolarli verso una nuova idea di sviluppo economico vuol dire affrontare la crisi economica attuale, puntando sull'innovazione sociale ed ambientale, vera sfida del futuro.Serve l'impegno di tutti: bisogna imparare a cooperare, se si vuole fare un salto in avanti e tentare la strada di uno sviluppo vero, endogeno, sostenibile ed equo.

L'assessorato ha fatto questa scommessa e vuole condividerla e migliorarla con tutti gli attori, individuali e collettivi, pronti a cooperare per il bene comune: mettiamo in pratica questa idea.
Il patto formativo - conclude l'assessore Lisi -può essere uno strumento attraverso il quale far camminare il nostro territorio a testa alta. Oggi è stata pubblicata la manifestazione di interesse che vede impegnati 28 partner".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento