menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20081008222700_della_gatta_antonio

20081008222700_della_gatta_antonio

Della Gatta: 'Basta ritardi, la politica cominci ad operare'

Caserta - "Le stanche liturgie della partitocrazia, attraverso le quali ancora una volta la politica si sta esprimendo, non aiutano di certo l'economia provinciale e regionale ad uscire dal tunnel della crisi".Lo ha detto il presidente di...

"Le stanche liturgie della partitocrazia, attraverso le quali ancora una volta la politica si sta esprimendo, non aiutano di certo l'economia provinciale e regionale ad uscire dal tunnel della crisi".
Lo ha detto il presidente di Confindustria Caserta, Antonio Della Gatta, sottolineando il grave ritardo con il quale si sta procedendo al varo delle giunte, ad oltre un mese e mezzo dalle elezioni, sia dell'ente di Corso Trieste che della Regione Campania.
"Un ritardo che appare tanto più incomprensibile, ai comuni cittadini, alla luce della netta indicazione della volontà popolare emersa dalle urne. La situazione è grave sotto tutti i punti di vista. Non c'è più tempo da perdere. Occorre agire in fretta, varando esecutivi autorevoli, capaci di affrontare, ai diversi livelli territoriali, le numerose emergenze che sono sotto gli occhi di tutti e attanagliano da molto tempo, ormai, il nostro territorio".
Il presidente degli industriali, nel riconoscere, in particolare, al presidente Domenico Zinzi una lunga esperienza politico e amministrativa, fa appello alla capacità del politico di ricondurre finalmente nell'alveo della normalità e della piena funzionalità l'amministrazione dell'ente Provincia".

"Il grave momento di crisi economica richiede a tutti un forte senso di responsabilità, sicché alle beghe partitiche si deve finalmente anteporre la condivisione delle soluzioni di politica industriale, sociale e ambientale capaci di dare fiato al sistema produttivo e rilancio allo sviluppo e alla crescita del territorio", ha aggiunto il presidente Della Gatta.
"Ovviamente non è compito degli industriali entrare nelle vicende interne dei partiti che hanno finora impedito alla macchina politico amministrativa dell'ente Provincia di mettersi in moto", precisa il presidente di Confindustria Caserta, "è nostro dovere, però, come cittadini prima e ancor più come rappresentanti del mondo produttivo di Terra di Lavoro, chiedere, anzi, pretendere l'amministrazione della cosa pubblica da parti di quanti sono stati chiamati a farlo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento