menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Addesso: Scuola al centro dell'interesse istituzionale, subito la consulta cittadina

Maddaloni - "Lo sprint amministrativo sarà visibile sin dal primo consiglio comunale" è la garanzia di Carmine Addesso, candidato a sindaco del Partito Democratico. "La scuola è sinonimo di futuro" - dice - "per questo nella prima assemblea...

"Lo sprint amministrativo sarà visibile sin dal primo consiglio comunale" è la garanzia di Carmine Addesso, candidato a sindaco del Partito Democratico. "La scuola è sinonimo di futuro" - dice - "per questo nella prima assemblea cittadina sarà avviato l'iter burocratico per istituire la consulta cittadina della scuola", ossia l'organo collegiale consultivo presieduto dal sindaco della città e composto dai presidi delle scuole, dai rappresentanti dei genitori e dai docenti. "Una consulta scolastica plurale attraverso la quale è possibile garantire un dialogo diretto con tutti gli attori della Scuola - dice - che deve essere al centro dell'interesse a tutti i livelli istituzionali". Il nuovo organo permette di conoscere in tempo reale "le esigenze del mondo scolastico - dice - a partire dalle carenze strutturali al perfezionamento dell'offerta formativa. Cosicché l'ente locale può intervenire in maniera incisiva e mirata". Il tutto sburocratizzando il rapporto fra Scuola e Comune "attraverso l'autonomia scolastica - puntualizza - trasferendo le risorse economiche direttamente agli istituti, per la gestione dell'ordinaria amministrazione, così anche sgravata sia dalle lungaggini burocratiche che da costi aggiuntivi". Inoltre la sinergia fra Comune e Scuola è il presupposto più efficiente "per incentivare la progettazione Pon (piani operativi nazionali) per accedere ai fondi strutturali". Particolare attenzione, nel programma del Partito Democratico, è riversata alla promozione delle sinergie sovracomunali "per la valorizzazione della biblioteca comunale e del museo civico calatino che dovranno entrare in un circuito di promozione storico-culturale con altre istituzioni, come il museo archeologico calatino", il tutto inserito in un programma politico-amministrativo di incentivazione e valorizzazione della memoria storico-culturale-archeologica della città, che vedrà il Comune impegnato in prima fila in quei progetti, che hanno già visto nel 2004, l'allora assessore alla Pubblica Istruzione Addesso, riscuotere consensi con "Maddaloni città educativa", iniziativa di gemellaggio fra le scuole elementari di Maddaloni, che vedeva i bimbi in competizione in un vero e proprio "concorso di idee". Gli stimoli educativi prendevano vita sotto forma di elaborati, disegni, vignette, temi realizzati dai bambini; e la "Settimana della Cultura": iniziativa promossa dalla Regione in collaborazione con il Comune, assessorato alla cultura; che promosse un coordinamento fra la biblioteca ed il museo civico ed archeologico, creando una sinergia istituzionale finalizzata alla promozione e divulgazione degli eventi culturali tesi alla valorizzazione ed al recupero delle tradizioni locali e patrimonio storico-archietettonico. Tutto attraverso iniziative mostre, concerti, convegni e visite guidate. .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento