menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Polverino contesta la proroga al Direttore del Consorzio Asi

Caserta - Colpo di mano all'ASI di Caserta. Il Presidente Piero Cappello proroga fino al 2011 l'incarico di direttore ad Alfredo Carrino. A dichiararlo è Angelo Polverino, il riconfermato Consigliere regionale, che solleva molti dubbi sulla nomina...

Colpo di mano all'ASI di Caserta. Il Presidente Piero Cappello proroga fino al 2011 l'incarico di direttore ad Alfredo Carrino. A dichiararlo è Angelo Polverino, il riconfermato Consigliere regionale, che solleva molti dubbi sulla nomina. "L'ordinanza di prolungamento della carica è del 29 marzo. Questo significa che prima dell'apertura delle urne il Presidente del Consorzio ha pensato di mettere in salvo il direttore". Una riconferma destinata a far discutere. Il perché ce lo spiega lo stesso Polverino. "Ma il rapporto di lavoro tra Carrino ed il Consorzio non doveva risolversi consensualmente nel 2009, a seguito di un contenzioso tra l'ente ed il direttore in questione? Mi risulta che al solo scopo di porre termine alla lite tra l'Asi ed il direttore, nel 2009, è stato corrisposto a titolo transattivo, oltre allo stipendio mensile ed i relativi contributi, la somma di 240 mila euro. E' vero che all'Asi tutto è possibile, ma non è chiara la posizione del dirigente rispetto ad un pregresso che deve necessariamente essere chiarito. Continua la gestione clientelare dell'importante Consorzio di Sviluppo industriale, che invece di promuovere la creazione delle attività imprenditoriali si preoccupa di prorogare gli incarichi agli amici. E' arrivato il momento di intervenire e fare in modo che l'Asi non sia più luogo dove attuare le dinamiche più sfacciate di una politica spartitoria e non di sostegno alle imprese ed ai lavoratori. L'economia casertana - puntualizza il pidiellino - necessita di scelte chiare e trasparenti e non di accordi sottobanco, che servono solo a stabilire quale amico deve occupare la poltrona che più interessa. Questo tipo di politica ha prodotto quello che è sotto gli occhi di tutti. Altro che sostegno alle imprese. La gestione dell'Asi - conclude Polverino - non ha fatto altro che comprimere l'economia della provincia, privilegiando gli amici e non gli interessi degli imprenditori e dello sviluppo industriale del territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mille “furgoni lumaca” in autostrada contro le chiusure

  • Cronaca

    Nuovi 228 positivi scoperti nel casertano. Morti 3 pazienti

  • Attualità

    Senatore casertano positivo al coronavirus

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento