menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100312063159_tar_lazio_ftv

20100312063159_tar_lazio_ftv

Emergenza Rifiuti: il Tar del Lazio reintegra i sindaci Farina, Nuzzo e Cipriano

Caserta - Come per gli altri scioglimenti di amministrazioni comunali del casertano, anche questo dei tre sindaci coinvolti, loro malgrado, si conclude positivamente. La prima sezione del Tar del Lazio, competente per i provvedimenti...

Come per gli altri scioglimenti di amministrazioni comunali del casertano, anche questo dei tre sindaci coinvolti, loro malgrado, si conclude positivamente. La prima sezione del Tar del Lazio, competente per i provvedimenti amministrativi emessi dall'autorità centrale, ha annullato il decreto che aveva rimosso i sindaci di Castelvolturno, Casal di Principe e Maddaloni per presunte gravi inadempienze in materia di raccolta di rifiuti. Fu il presidente della Repubblica, il 31 dicembre scorso, a decretare la rimozione dei sindaci, su proposta del ministro dell'Interno Roberto Maroni che a sua volta aveva aderito alla richiesta del sottosegretario Guido Bertolaso aveva rimosso i tre sindaci del casertano che avevano poi presentato ricorso al Tar del Lazio ritenendo "quel provvedimento debole di contenuto perche' non indicava alcun elemento a sostegno della rimozione".

I tre sindaci Francesco Nuzzo, primo cittadino di Castelvolturno, Cristiano Cipriano di Casal di Principe e Michele Farina, Maddaloni, sostennero poi "di non essere mai stati ascoltati in contraddittorio prima della decisione finale". Il provvedimento del Tar reintegra da subito Nuzzo, Cipriano e Farina.
"Il dispositivo del Tar è la sconfessione della struttura del Sottosegretariato e del ministero dell'Interno" - ha dichiarato Francesco Nuzzo, sindaco reintegrato di Castel Volturno.abr>La vicenda ha prodotto una destabilizzazione della politica nei tre centri comunali coinvolti che difficilmente tornerà normale. Resta l'amaro in bocca ai tre amministratori che per mesi, su tutti gli organi di informazione nazionali, sono stati additati come incapaci senza averne responsabilità. Il Tar restituisce dignità a tre amministatori di altrettante realtà complicate e difficilissime da governare, e boccia la linea del Governo Nazionale che ha puntato su forzature istituzionali e "mostri giuridici" per ostentare un piglio decisionista fuori luogo ma soprattutto, come hanno dimostrato i fatti, assolutamente inutile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento