menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donne in giunta, Api: 'Modificare lo statuto comunale per garantire pari opportunit'

Marcianise - Modifica dello statuto comunale per introdurre norme che rendano obbligatoria la presenza femminile nell'esecutivo è questa la proposta emersa durante l'incontro organizzato dal movimento femminile di Alleanza per l'Italia in...

Modifica dello statuto comunale per introdurre norme che rendano obbligatoria la presenza femminile nell'esecutivo è questa la proposta emersa durante l'incontro organizzato dal movimento femminile di Alleanza per l'Italia in occasione della festa della donna. Lo statuto del Comune di Marcianise all'articolo 4 comma 4 lettera b promuove e garantisce anche attraverso azioni positive la parità giuridica, politica, sociale ed economica della donna assicurando condizioni di pari opportunità tra i sessi. Di contro la promozione della condizione giuridica di pari opportunità oggi non trova esecuzione nell'attuale maggioranza. Ci troviamo, infatti, di fronte ad un esecutivo al maschile con un'unica presenza femminile che siede nei banchi dell'opposizione. A far da cornice alla manifestazione, promossa dal gruppo femminile Api, coordinato da Angela Grillo, un video documentario, realizzato dall'associazione Tiritò, sull'evoluzione della donna, che ripercorre quelle date fondamentali che hanno sancito l'emancipazione della donna. Animata e ricca di spunti la riflessione emersa dopo la visione del documentario: "Un filmato che mi provoca forti emozioni - ha detto il candidato alla Regione, Maria Luigia Iodice - commentando alcune scene di forte impatto nelle quali apparivano donne il cui volto era segnato dalla violenza. Avete mai pensato - ha commentato la dottoressa Iodice - quanto sia brutale e meschina la violenza psicologica che tempra un carattere e che un individuo si porterà con se per tutta la vita. Conosco donne che subiscono l'umiliazione del non guadagno. Ascolto le loro storie ogni giorno. A queste e tante altre donne va la mia sincera solidarietà. La mia attività politica mi ha portato disagi. Ricordo i primi incontri in consiglio comunale dove notavo la complicità maschile che tendeva ad escludermi. Non per questo ho gettato la spugna, ho affilato gli artigli cercando di far mio un linguaggio giuridico lontano dal mio percorso professionale. "le donne devono entrare in politica - ha detto Piero Squeglia - coordinatore provinciale dell'API - sono molto più predisposte a fare politica rispetto agli uomini. Per questo che proponiamo attraverso una raccolta di firme la modifica dello statuto comunale che rivendichi con forza e vigore la presenza delle donne nell'esecutivo. "Un'iniziativa - commenta la coordinatrice del gruppo femminile Angela Grillo - a cui tengo in particolar modo e che ci vedrà attive nella raccolta di firme che invieremo all'amministrazione comunale tramite i nostri rappresentanti che siedono in consiglio. I moduli della petizione sono disponibile presso la sede del partito in via Duomo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nel casertano nuova impennata delle vittime del Covid: 15 in 24 ore

  • Cronaca

    Caserta ancora 'leader' per i vaccini: somministrate 194mila dosi

  • Attualità

    Macrico, 3 parlamentari M5s: "Ci batteremo per l'inedificabilità"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento