menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

D'Ercole: 'La Corte dei conti conferma le nostre denunce'

Napoli - "La Corte dei conti, certifica ed avvalora le nostre denunce". Ad affermarlo è stato il Capo dell'opposizione in Consiglio regionale e capolista del Pdl in Irpinia, al termine della Cerimonia d'inaugurazione del nuovo anno giudiziario e...

"La Corte dei conti, certifica ed avvalora le nostre denunce". Ad affermarlo è stato il Capo dell'opposizione in Consiglio regionale e capolista del Pdl in Irpinia, al termine della Cerimonia d'inaugurazione del nuovo anno giudiziario e dopo aver preso nota della relazione presentata dal Procuratore generale della Corte dei Conti della Campania, Arturo Martucci di Scarfizzi sull'attività 2009. "A dire il vero - prosegue - per lunghi tratti ho avuto la sensazione di risentire ciò che noi abbiamo più volte sottolineato e rileggere le centinaia di comunicati stampa-denuncia da noi sottoscritti nel corso di questi anni. E non solo nell'ultimo". "Quante volte - aggiunge - abbiamo denunciato la disinvoltura con la quale Bassolino & c., facevano ricorso alle consulenze esterne o distribuivano contributi e finanziamenti, per altro senza alcun controllo o riscontro sulla loro effettiva realizzazione, a manifestazioni ed iniziative più disparate e prive di qualsiasi utilità pratica per la crescita della regione, al solo scopo di foraggiare amici e famigli ed allargare il proprio consenso (vedi Fiere e mostre, i cosiddetti "Grandi Eventi" affidati agli amici fedeli, quali il Teatro Film Festival Italia, affidato all'ex assessore comunale Rachele Furfaro od il Forun delle Culture a Nicola Oddati), i fondi ai teatri, i trucchetti contabili nella stesura dei bilanci, l'allegra ed incontrollata gestione delle società miste, gli sprechi inaccettabili nella gestione dell'emergenza rifiuti e della sanità pubblica, il cui unico risultato è stato quello di provocare vere e proprie voragini nei conti della Regione?". "E per la verità - ribadisce ancora - potremmo proseguire con le continue trasfusioni di risorse pubbliche nelle casse del Museo Madre, a danno dei musei minori regionali; dei Teatri napoletani a dispetto di quelli delle altre province oppure i 18milioni appena stanziati a favore di Città della Scienza per il supporto strategico ed operativo alla realizzazione di tre non meglio specificate macroazioni nei settori: "Associazionismo e sostenibilità urbana"; "ricerca" e "Sviluppo locale e società civile" che la Corte dei Conti non ha ancora avuto modo di controllare, poiché relative al 2010". "Solo che - rileva - Bassolino e la sua giunta, hanno finto di non sentire, hanno scrollato le spalle e sono andati avanti, perché - a loro dire - le nostre denunce erano inficiate da un peccato originale: venivano dall'opposizione e, come tali, strumentali. Ora che la Corte dei conti li ha smascherati come si difenderanno? E cosa dirà il candidato governatore di centrosinistra, Enzo De Luca, che insiste nel dire di rappresentare la discontinuità, ma continua a cercare disperatamente il sostegno di quelli che hanno ridotto la Campania in brache di tela?". "Certo, con questi chiari di luna - conclude D'Ercole - dal 30 aprile in poi, sarà difficile rimettere le cose a posto. Le risorse sprecate, in questi anni, in quantità industriale, purtroppo non torneranno, così come, prima di far ripartire il mercato del lavoro, bisognerà recuperare gli oltre 30mila posti di lavoro, perduti nell'ultimo anno. Ma, i campani non perdano le speranze, il centrodestra ha le spalle larghe, le idee chiare sul da farsi, la volontà e l'entusiasmo giusti per farlo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Scooter contro auto, muore ragazzo di 17 anni

  • Cronaca

    Arrestato il consigliere comunale Danilo D'Angelo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento