menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovane Italia difende l'amministrazione sull'aumento della Tarsu

Grumo Nevano - "Gli attacchi sconsiderati all'Amministrazione di chi, per personale malanimo, sembra auspicare che i cittadini non facciano più la raccolta differenziata, ci impongono un intervento per chiarire come stanno le cose.Polemizzare in...

"Gli attacchi sconsiderati all'Amministrazione di chi, per personale malanimo, sembra auspicare che i cittadini non facciano più la raccolta differenziata, ci impongono un intervento per chiarire come stanno le cose.Polemizzare in modo grossolano contro l'aumento della bolletta della TARSU, è facile, ma bisogna comprendere le ragioni di tale aumento.
La legge n. 87 del 2007 (governo Prodi), dispone che il costo di smaltimento dei rifiuti sia per il 100% a carico dei Comuni; l'entrata in vigore della norma era stata però prorogata di due anni.
INSPIEGABILMENTE, nel 2007 l'Amministrazione Di Lorenzo abbassò la tariffa per il 2008 (anno delle elezioni comunali), pur sapendo che nel 2009 si sarebbero dovuto coprire i costi totalmente.
Adesso i Comuni della Provincia di Napoli sono stati obbligati, con la finanziaria del 2009, a coprire i costi totalmente. Se non l'avessero fatto, sarebbe stato mandato un commissario ad acta per adottare il provvedimento.Chi dunque sbraita per i provvedimenti presi per legge, dimostra o incompetenza o ASSOLUTA MALAFEDE.
E' bene chiarire ai cittadini, ma soprattutto ai finti o veri ignoranti che, anche se il Comune avesse le casse piene di dobloni d'oro, la legge dice che i costi dello smaltimento vanno coperti con gli incassi della TARSU.È anche ovvio che eventuali premi ricevuti per i risultati raggiunti nella raccolta differenziata, vanno investiti esclusivamente per migliorare la stessa differenziata, come l'Amministrazione Bilancio ha correttamente fatto acquistando i Molok.

Soffiare sul fuoco del malcontento dei cittadini, indirizzandoli, in maniera subdola, a non fare la raccolta differenziata per protesta, non solo è grave, ma controproducente per tutti.
Diminuire la differenziata porterebbe infatti a un aumento dei costi, perché sarebbe maggiore la quantità di indifferenziata che si smaltisce in discarica a caro costo.Perciò invitiamo tutti i cittadini a continuare la raccolta differenziata e a non prestare ascolto a chi fa CATTIVA INFORMAZIONE ed INUTILE ALLARMISMO, danneggiando, così, temiamo consapevolmente, tutta la città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento